12 Febbraio 2020 - 19:16

    "Noi e il futuro dell'Europa" post Brexit

    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    Ci si domanda quale sia il futuro dell'Europa, dopo che la Brexit sarà completata, se le conseguenze peseranno solo sulle spalle dei sessantasei milioni di britannici o anche sulle spalle dei 436 milioni di europei continentali.

     

    Molte cose ci legano al Regno Unito a cominciare dall’inglese che è ormai il nostro koiné dialektos o la nostra lingua franca, come lo erano il greco e il latino e l’Unione europea rischia di essere tagliata fuori da legami profondi che sono parte essenziale del nostro essere europei dal punto di vista della cultura, dell’economia, della finanza, della dimensione planetaria, della concezione della democrazia. Basti pensare al Bill of Rights e all’Habeas Corpus, al modello del welfare state e al ruolo di Westminster nella concezione della democrazia parlamentare per sottolineare tre aspetti fondamentali dell’essere europei in un mondo sempre più instabile e orfano del multilateralismo.

    Se il rischio che il Continente veda evaporare la sua identità nelle dimensioni giuridica, sociale e democratica fosse reale, dobbiamo tutti – istituzioni, mondo della politica, della produzione (imprenditori e lavoratori) e della finanza, società civile, mondo della cultura e dell’educazione ed anche singoli cittadini – impegnarci affinché l’occasione che si aprirà con la Conferenza sul futuro dell’Europa sia colta per chiarire l’essenza del progetto di unificazione nato settanta anni fa con la Dichiarazione Schuman.

     

     

     

     

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.