19 Marzo 2002 - 01:00

    Nuovi vantaggi fiscali per le famiglie numerose

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    La legge finanziaria per il 2002 si è posta l'obiettivo / tramite la rimodulazione delle aliquote Irpef e la rideterminazione delle detrazioni per carichi di famiglia / di privilegiare le famiglie, in particolare quelle più numerose e con redditi piu' bassi.In particolare, è stata aumentata fino a 1 milione di lire (515,45 euro) la detrazione per ogni figlio a carico in ragione del livello di reddito e del numero dei figli, nonche' / novita' assoluta / e' stata introdotta una particolare detrazione in caso di figli portatori di handicap. La nuova detrazione, di 774,69 euro (lire 1.500.000) per ogni figlio riconosciuto tale ai sensi della legge n.104 del 1992, spetta a prescinderedall'ammontare del reddito complessivo, in sostituzione di quella che spetterebbe in assenza dell'handicap.
    In tutti gli altri casi, invece, si presenta una griglia di situazioni molto varia in relazione agli importi delle detrazioni spettanti.L'Agenzia precisa che condizione indispensabile per essere considerati fiscalmente a carico e' che il reddito complessivo percepito da ciascuno dei figli (o altri familiari) non sia superiore a euro 2.840,51 (pari a lire 5.500.000) al lordo degli oneri deducibili. In detto limite vanno computate anche le retribuzioni corrisposte da enti e organismi internazionali, rappresentanze diplomatiche e consolari e missioni, nonché quella erogate dalla Santa Sede, dagli enti gestiti direttamente da essa e dagli enti centrali della Chiesa cattolica. La detrazione per i figli a carico, inoltre, spetta a prescindere dall'eta' del figlio e dalla circostanza che questi conviva con il genitore.Per quanto riguarda gli importi della detrazione per i figli a carico, la misura, per cosi' dire, "standard" e' di 285,08 euro per ciascun figlio, compresi i figli naturali riconosciuti, i figli adottivi e gli affidati o affiliati, nonche' per ogni altro familiare che conviva con il contribuente o percepisca assegni alimentari non risultanti da provvedimenti dell'autorita' giudiziaria. Se il reddito complessivo non supera 51.645,69 euro (pari a 100 milioni di lire), pero', l'importo e' elevato a: euro 303,68 per il primo figlio nonche' per ogni altro familiare a carico; euro 336,73 per i figli successivi al primo. L'importo della detrazione spettante per ciascun figlio sale invece a 516,46 euro (un milione di lire) a seconda del reddito complessivo di ciascun genitore e del numero dei figli: / reddito complessivo non superiore a 36.151,98 euro (70 milioni di lire) ed un figlio a carico; / reddito complessivo non superiore a 41.316,55 euro (80 milioni di lire) e due figli a carico; / reddito complessivo non superiore a 46.481,12 euro (90 milioni di lire) e tre figli a carico; quattro figli a carico, indipendentemente dal reddito."Non sembra allo stato ravvisabile l'opportunità di una sanatoria delle situazioni fiscali pendenti". Il tono è quello un po' burocratico tipico delle risposte alle interrogazioni parlamentari, ma il senso è chiaro: no a condoni sul contenzioso tributario. A chiudere la strada alla richiesta di Francesco Lucchese (Udc) è il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti.
    Ultima modifica il 19 Marzo 2002 - 01:00

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.