Stampa questa pagina
02 Gennaio 2003 - 01:00

<b>Il 2002: “l'Anno Nero dei Diritti”</b>

Vota questo articolo
(0 Voti)
La speranza è nel volontariato
Cittadinanzattiva, una delle tredici associazioni di difesa del consumatore, ha reso noto il suo rapporto sul 2002, definito “l'anno nero dei diritti”.
Ovunque è riscontrabile un caro prezzi come testimonia l'inflazione che è salita oscilla tra l'8 e il 10 %.
Diversi prezzi sono aumentati da mille lire ad un euro nel tempo di una notte e la raccomandazione di mantenere per i primi mesi la doppia indicazione di prezzo è scemata nel nulla.
La polizza Rc auto è salita in dieci anni del 162 %, per non parlare della telefonia mobile: offerte di tutti i tipi, dubbia trasparenza.
Sempre peggiore è la qualità dei servizi pubblici.
Ma la cosa più allarmante, in un Paese con scarsa natalità in cui la terza età è destinata ad aumentare, è il disagio di cui soffre il sistema sanitario italiano.
Nel nostro Paese ci sono quasi due milioni di disabili, per la maggior parte oltre i 65 anni; sono soli, abbandonati a sé stessi, nel 28 % dei casi e poveri nel 42 %.
Scarsa assistenza, mancanza di fondi, i rischi e preoccupazioni della devolution, fanno del volontariato, realtà molteplice e viva, disseminata attivamente nella nostra penisola, un punto di riferimento cardinale per quanti si sentono privati dei loro diritti.
Ultima modifica il 02 Gennaio 2003 - 01:00

Ultimi da AngeliPress