27 Aprile 2011 - 10:57

    Il sovraffollamento delle carceri italiane

    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    Emergenza in crescita

     

    In base ai dati dell’analisi condotta dal Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, che prende in considerazione il periodo fino al 31 gennaio 2011, in Italia sono “ospitati” presso le strutture carcerarie 67.634 detenuti, a fronte di una capienza regolamentare delle medesime pari a 45.165 unità. Il tasso di sovraffollamento ha raggiunto una quota di 149 punti percentuali, fatto questo che pone l’Italia in terza posizione, dopo Bulgaria e Cipro.

    La situazione penitenziaria italiana è stata analizzata anche dalla Corte europea dei Diritti dell’uomo, in seguito al ricorso di un detenuto, la quale ha condannato il Belpaese per “tortura”, considerando il sovraffollamento delle carceri come una pratica inumana e degradante. Difatti il contesto generatosi ha contribuito al peggioramento delle condizioni igienico – sanitarie, nonché all’aumento esponenziale di casi di autolesionismo.

    Nella battaglia per il rispetto dei diritti all’interno delle strutture penitenziarie, è sicuramente di rilievo l’attività dell’associazione Antigone, la quale gestisce un Osservatorio nazionale sulle condizioni di detenzione, che ogni anno pubblica un rapporto informativo in materia, utile anche per esercitare pressione sulle sedi decisionali. L’associazione, data la mancanza di un garante dei detenuti, ha istituito la figura del difensore civico, il quale si occupa di evidenziare le carenze che si palesano. Ad oggi Antigone si è fatta portavoce di 1200 casi, citando in giudizio lo Stato per trattamenti contrari alla Convenzione dei diritti dell’uomo.

    Per maggiori informazioni visitate il sito www.associazioneantigone.it.

    (Ilenia Farinelli)

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.