17 Febbraio 2012 - 13:42

    Un'opportunità di riscatto per i detenuti

    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    Due nuove sezioni di scuola superiore nelle Carceri di Vietrbo e Velletri


     

    La Regione Lazio ha previsto l’istituzione di due nuove classi di scuola  superiore con indirizzo tecnico all’interno delle carceri di Viterbo e di Velletri. Lo rende noto il Garante dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni.

    La decisione è stata ufficialmente formalizzata con il Piano regionale di Dimensionamento delle istituzioni scolastiche della Regione Lazio, approvato dalla Giunta Regione con propria delibera n. 42 del 3 febbraio.

    Nel dettaglio, sarà istituito un corso scolastico di ragioneria all’interno del carcere Mammagialla di Viterbo, ed una sezione dell’istituto agrario, con specializzazione in agroalimentare e agroindustria, all’interno del carcere di Velletri.

    Entrambi le proposte erano state da tempo caldeggiate dall’Ufficio del Garante dei diritti dei detenuti allo scopo di garantire, all’interno dei due istituiti una completezza del percorso di istruzione che potesse andare oltre la scuola dell’obbligo.

    La proposta di istituire un corso formativo superiore a Viterbo risale ad oltre un anno fa. Fino a questo momento, infatti, i detenuti che avevano intenzione di proseguire la scuola venivano seguiti dagli insegnanti in pensione del GVAC e, quindi, sostenevano gli esami da privatisti. Ora gli studenti potranno frequentare la sezione distaccata dell’Istituto tecnico Commerciale Paolo Savi.

    A Velletri, invece, il Garante ha proposto l’istituzione di una sezione distaccata dell’istituto tecnico agrario, in contiguità con la consolidata attività agricola, per certi versi all’avanguardia, portata avanti da anni all’interno del carcere anche con la produzione di prodotti vinicoli approdati sul mercato.

    Sono fermamente convinto - ha detto il Garante dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni - che l’istruzione sia un elemento fondamentale per far crescere, in questi ragazzi, una vera cultura della legalità che, poi, dovrebbe essere lo scopo principale del periodo di carcerazione. Frequentare le scuole in carcere non significa, infatti, solo conseguire un titolo, ma soprattutto contribuire alla crescita e alla futura reintegrazione sociale dei detenuti”.

    Fonte: Ufficio stampa Garante dei Diritti dei Detenuti della Regione Lazio www.garantedetenutilazio.it

    (©Angelipress.com – diretto da Paola Severini)

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.