10 Novembre 2015 - 13:04

    #‎VorreiEssereRicordatoPer

    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    La pagina di un social su cui scorrono le immagini del profilo di Marco Ferrari con le sue foto da piccolo, quelle da ragazzo, poi quelle della fidanzata e le immancabili immagini del matrimonio, quindi della nascita del figlio Andrea, di lui che cresce, delle vacanze tutti insieme. Ed ecco la foto più recente di Marco, ancora un bello sguardo, capelli brizzolati, gli occhiali e un post del figlio Andrea: “Ci mancherai papà”.

     

     

    Ma la pagina non finisce così:  ancora immagini - stavolta in movimento -  di bambini di un lontano villaggio che corrono sorridenti e l’ultimo post di un operatore dal campo: “Tutto questo è stato possibile grazie a te”.

     

    E’ commovente il video di Save the Children - realizzato da Publicis Italia - L’ultima cosa che fai è la prima per cui sarai ricordato - da ieri online, sul valore di un lascito testamentario.

     

    Un prodotto frutto di una bella avventura creativa: gli autori del concept  - Simone Di Laus e Giovanni Greco, creativi di Publicis Italia - con questo video hanno infatti preso parte alla sezione italiana del concorso per creativi I Giovani Leoni di Cannes 2015, arrivando secondi nella divisione film.

     

    Il video racconta in modo fresco, emozionante e innovativo una tematica delicata e ancora poco approfondita, che è quella del lascito testamentario”, spiega Filippo Ungaro direttore comunicazione Save the Children. “Nel video emerge forte il valore della famiglia e il senso della vita che si tramanda di padre in figlio. Il lascito testamentario è questo: un passaggio di amore e generosità da un individuo ad altri, con benefici per chi lo compie, il cui valore sopravvivrà alla sua morte, e per chi lo riceve: decine di migliaia di bambini che grazie a questo gesto vedranno migliorare le loro condizioni di vita. Nel 2014, con i fondi raccolti attraverso i lasciti, sono stati aiutati molti bambini e adolescenti e realizzati, in particolare, progetti di educazione e nutrizione in Tigray, regione dell’Etiopia caratterizzata da una situazione di insicurezza alimentare cronica”, prosegue Filippo Ungaro.

     

    Fare un lascito è semplice: nello scrivere le proprie volontà è possibile ricordare le persone che più amiamo e allo stesso tempo destinare a Save the Children un bene mobile o immobile, somme di denaro, titoli o fondi di investimento, una polizza vita o l'intero patrimonio.

     

    Grande o piccolo che sia, questo dono potrà dare speranza ai bambini più vulnerabili e chi lo farà 'rinascerà' in aule di scuola, acqua pulita, vaccini e cure mediche che noi garantiremo con il nostro lavoro”, spiega ancora Filippo Ungaro.

     

    Secondo recenti ricerche, la disponibilità a fare un lascito solidale è presente anche tra i più giovani: oltre 1/4  di under 35enni si dichiara altruista e ha già deciso di fare un lascito nel futuro (la fonte è un’indagine DOXA realizzata per il Comitato Testamento Solidale nel 2015); più della metà  è curioso, aperto e interessato a donare agli altri attraverso le ultime volontà.

     

    In generale, negli ultimi 10 anni, si registra una crescita del 10% del numero di italiani che inseriscono un lascito nelle loro ultime volontà, con una prevalenza di donne (60%) (Il dato è il risultato di un sondaggio su un campione di 700 notai del Comitato Testamento Solidale, in collaborazione con il Consiglio Nazionale del Notariato).

     

    Il video di Save the Children, da oggi online, è stato preceduto, nei giorni scorsi, da una campagna teaser sui social media dell’organizzazione, con dei post e hastag basati sulla domanda Per che cosa vuoi essere ricordato? #‎VorreiEssereRicordatoPer. Oltre agli spunti di risposta, forniti dalla stessa organizzazione per stimolare in modo leggero il pubblico dei social a dire la sua (per esempio “Fonzie ricordato per il suo hey”, “Pavarotti per il suo Vincerooò”, “Battisti per Le bionde trecce e gli occhi azzurri”), molte le risposte postate, sia serie che spiritose: “per l’amore che ho dato”, si legge sulla pagina Facebook di Save the Children, “per la mia disponibilità verso gli altri”, “per la mia torta di arancia”.

    E da oggi ci sarà un ulteriore post di Save the Children di lancio del video con la domanda: E se fossi ricordato per una buona azione?

     

    Il video L’ultima cosa che fai è la prima per cui sarai ricordato è condivisibile a questo  link

     

    Fonte: Ufficio stampa Save the Children Italia

    Newsletter inviata il 3 novembre 2015

     

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.