22 Novembre 2019 - 14:32

    Innovazione: dai laboratori vestiti ipertecnologici per la smart city del futuro

    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    A via il progetto WE LIGHT che punta a realizzare capi di abbigliamento dotati di sistemi elettronici, ottici e sensoristici in grado di connettere chi li indossa con l’ambiente esterno per garantire una maggiore sicurezza negli ambienti di lavoro e sulle strade.

    Il progetto finanziato dalla Regione Emilia-Romagna vede tra i partner ENEA, Università di Modena e Reggio Emilia, CNR, INFN e Laboratorio di Ricerca Industriale MIST E-R. I sensori incapsulati in questi vestiti leggeri, ergonomici e sicuri, molto adatti per ciclisti e runner, consentiranno sia di attivare fibre ottiche e LED per aumentare la visibilità di chi li indossa al variare della luminosità, sia di acquisire i dati delle prestazioni atletiche e della qualità dell’aria.

    Con un’app sul proprio dispositivo mobile sarà poi possibile consultare i dati raccolti raccolti in un “archivio” open source.

    (Fonte Ufficio Stampa Enea)

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.