29 Luglio 2020 - 15:33

    Le mascherine d'artista di Wobymask per la Fondazione Tommasino Bacciotti

    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    Sono state messe all'asta a Villa Vittoria a Firenze: nel catalogo anche firmate dai giocatori della Fiorentina

    Da barriere che dividono a oggetti che uniscono. Le mascherine realizzate dall'Associazione Wobymask diventano accessori belli da indossare e occasioni di solidarietà: decorate da artisti, firmate da personaggi famosi, sono le protagoniste dell'asta di beneficenza che si svolgerà mercoledì 29 luglio dalle 18 alle 20  a Firenze nello spazio di Villa Vittoria, all'interno del giardino di Firenze Fiera (via Filippo Strozzi, 2). Il ricavato sarà devoluto alla Fondazione Tommasino Bacciotti.

    L'Associazione Wobymask (Woby è l'acronimo di Way Of Beauty) è nata a Firenze durante il lockdown da un'idea di un architetto, Andrea Pazzaglia, come risposta a una necessità: recuperare mascherine, allora introvabili. Pazzaglia ha trovato il tessuto adatto per realizzarle e ha coinvolto le signore che avevano a disposizione una macchina da cucire nel suo quartiere, San Niccolò, per confezionarle. Attraverso il passaparola il progetto si è allargato a tutta la città e si è esteso fino alle Marche: 90 volontari hanno cucito in 4 mesi oltre 30mila mascherine, distribuite in forma gratuita. Con questa iniziativa è stato possibile raccogliere 10.000 euro che sono stati donati in beneficenza agli ospedali fiorentini di Torregalli, Careggi, Santa Maria Nuova e Ponte a Niccheri, e ad associazioni.

    “Il mio intento era quello di creare un movimento che mirasse a perseguire canoni di bellezza e solidarietà. Credo fortemente che la bellezza sia la via per poter salvare e aiutare in questo momento di difficoltà. Il gesto più altruista, quello di aiutare incondizionatamente, è il messaggio di cui abbiamo bisogno oggi” afferma Pazzaglia.

    L'iniziativa poi è diventata anche un progetto artistico. Artisti professionisti e personaggi pubblici fiorentini sono stai invitati a disegnare secondo la propria fantasia o a firmare con dedica le masks.

    Incorniciate come vere opere d'arte dalla Casa della Cornice, 30 maschere d'artista saranno battute all'asta nell'evento benefico del 29 luglio, realizzato in collaborazione Villa Vittoria, Firenze Fiera, Casa della Cornice e con il patrocinio della Regione Toscana. Battitore d'eccezione sarà Filippo Pananti. Tra le opere in catalogo, ci sono le mascherine decorate con i capolavori conservati alle Gallerie degli Uffizi create da Stefania Pastacaldi, quelle con i papaveri dei Fratelli Guarnieri, quelle ispirate ai cartoons del writer Ninjaz, il cartello “mascherato” di Clet, e le masks con decorazioni puntiformi di Anna, 8 anni, un'abitante di San Frediano che durante il lockdown ha visto il volantino di Wobymask e si è subito informata per poter dare una mano. Ad arricchire l'asta ci sono le mascherine firmate dai giocatori di ACF Fiorentina, Franck Ribery, Federico Chiesa, German Pezzella, Gaetano Castrovilli, e il dirigente viola Giancarlo Antognoni.

    “Le mascherine sono un oggetto che divide le persone, noi vogliamo considerarle un oggetto che unisce una comunità. Nella realtà è quello che sta accadendo: grazie a questo progetto si è creata una collettività, i volontari che le hanno cucite, chi le ha decorate e chi le ha ricevute” afferma Pazzaglia. 

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.