<b>I figli dei desaparecidos di Plaza de Mayo</B>

 |  04 Aprile 2002 - 02:00  |  Pubblicato in Angeli Exibition
Italo Moretti presenta il suo nuovo libro, «I figli di Plaza de Mayo», edito da Sperling & Kupfer.
E’ il racconto delle drammatiche persecuzioni dei militari argentini tra il 1976 e il 1983 contro gli oppositori del regime.
Partecipano Luigi Cancrini, Francesco Caporale e Antonio Ghirelli. Gli attori Enzo Avolio e Norman Mozzato leggeranno alcuni brani del volume.


ASSOCIAZIONE CIVITA, piazza Venezia 11, alle 18
Si moltiplicano le iniziative teatrali legate a problemi civili e umanitarie, con lo scopo di raccogliere fondi e sensibilizzare l'opinione pubblica.

<b>I 335 martiri di «Radio Clandestina»</b>

 |  04 Aprile 2002 - 02:00  |  Pubblicato in Angeli Exibition
Le officine dell’Atac ospitano stasera uno spettacolo sulle Fosse Ardeatine. Si tratta di «Radio Clandestina» scritto, diretto e interpretato da Ascanio Celestini, per «Finalmente aprile! Dal Fascismo alla Liberazione».
La rassegna (da oggi fino al 27 aprile) ricorda uno dei capitoli più drammatici della storia italiana con l’allestimento di mostre, proeizioni, filmati, seminari, incontri e dibattiti.

<b>La prigioniera di Lhasa</b>

 |  04 Aprile 2002 - 02:00  |  Pubblicato in Angeli Exibition
La vita di Ngawang Sangdrol, religiosa buddista di 23 anni imprigionata in Tibet, sarà raccontata oggi, in occasione della presentazione del libro «La prigioniera di Lhasa» di P. Broussard e D.Laeng, (Fandango libri).
Ci sarà una mostra fotografica che illustra la vita degli esiliati tibetani.


LIBRERIA FAHRENEIT, piazza Campo de’ Fiori, ore 18

<b>PRIMO FORUM MONDIALE SULL'INVECCHIAMENTO A MADRID</b>

 |  04 Aprile 2002 - 02:00  |  Pubblicato in Notizie
La presidente dell'Auser Maria Guidotti partecipa al Forum Mondiale sull'invecchiamento che si tiene a Madrid dal 5 al 9 aprile 2002 organizzato dall'Onu e che coinvolgerà migliaia di Organizzazioni non governative.
La presidente Guidotti, porterà l'esperienza maturata in più di dieci anni di attività da una una delle più grande associazioni italiane di anziani volontari (210.000 iscritti e 60.000 volontari).

<b>Anna dei miracoli</b>

 |  04 Aprile 2002 - 02:00  |  Pubblicato in Notizie

Dal 2 aprile al teatro della Cometa, il celebre testo Anna dei Miracoli sul dramma dell'handicap, protagonista Mariangela D'Abbraccio: l'incasso di una serata sarà devoluto a favore dell' associazione Filo D'OroAnna dei Miracoli, pietra miliare del 1959 in tema di dramma delle facoltà offese e dei sentimenti da riscattare, testo / tv convertito in exploit teatrale ( da noi col sostegno di Anna Proclemer e di un'allora giovanissima Ottavia Piccolo) e poi con un Anne Bancroft da Oscar, ora riproposto con regia di Francesco Tavassi, adattamento di Giorgio Albertazzi, e un cast con l'esordiente Eleonora Ciarroca e la partecipazione di Giulio Farnese.Molto bello da notare l'alfabeto comunicativo extra / attoriale della protagonista Mariangela D'Abbraccio nei panni dell'istitutrice Annie Sullivan che deve recuperare la sensibilità della bambina cieca e sordomuta Helen Keller.La protagonista afferma che " c'è tutto un codice di figure composte da toccamenti e sfioramenti che ho dovuto imparare per essere all'altezza e il training l'ho fatto con l'associazione Filo D'Oro cui devolvo l'incasso della serata. Il difficile sta nel sincronizzare pensiero, battuta e gesto della mano". Interessante è soprattutto diffondere una vicenda basata sull'abbattimento scientifico e tenace di vecchie soglie di handicap, considerando il fatto che il problema maggiore è l'ottusità famigliare, dal momento che sono spesso i genitori a considerare "mostri" i figli affetti da un male.

<b>Medici divisi sulla «dolce morte»<b>

 |  04 Aprile 2002 - 02:00  |  Pubblicato in Notizie
La legge olandese che legalizza l'eutanasia fa discutere i medici e i politici. Dal ministro della Salute, Girolamo Sirchia, arriva una bocciatura netta: «Si può ammettere il diritto di interrompere le cure, non quello di farsi uccidere».

<b>Wind e Medici Senza Frontiere uniti da un Sms</b>

 |  04 Aprile 2002 - 02:00  |  Pubblicato in Notizie
C'è un mondo dove ogni giorno si nasce, si vive e si muore. Ma c'è anche un altro mondo, dove si muore e basta.
Si muore perchè cure e medicinali costano più della vita stessa.

saint vincent 2013

Vetrina

Le Ultime Newsletter