DUE MILIONI DI PICCOLE VITTIME

 |  06 Maggio 2002 - 02:00  |  Pubblicato in Aiuto
“Nel mondo ci sono due milioni di bambini obbligati alla prostituzione o sottoposti a varie forme di sfruttamento sessuale”. La denuncia di Ecpat (End Children Prostitution and Trafficking), organizzazione non governativa nata in Thailandia nel 1991, ha fatto il giro del mondo.

MALATTIE RARE. GRAVI, GRAVISSIME, EPPURE DIMENTICATE

 |  06 Maggio 2002 - 02:00  |  Pubblicato in Disabilità
Ora le patologie inguaribili possono essere bloccate e gestite. Purché si trovi un medico capace di fare la diagnosi, possibilmente nei primi mesi di vita. Esistono farmaci ( chiamati “orfani”) che potrebbero curare queste patologie, solo che occorrerebbero nuove ricerche per rendere ufficiale il loro effetto. Ricerche che nessuno finanzia.
[Pa.N.] Nel film “A beautiful mind”, vincitore di oscar, il protagonista, un matematico geniale ma schizofrenico, ritrova se stesso perché “accetta” la sua malattia. Nella finzione cinematografica, che però è ispirata ad un fatto realmente accaduto, vediamo un malato mentale che vince la sua follia vivendo in mezzo altri, conducendo una vita quasi normale e, quel che è più importante, riuscendo a “convincere” gli altri delle sue eccezionali doti intellettive. E’ una sfida che stanno vincendo numerose persone sofferenti di disturbi psichici, grazie anche a Internet. Si tratta però di eccezioni, in alcune parti del mondo la malattia mentale non è ancora riconosciuta.
Per Sofri e Bompressi
Un digiuno contro l’oblio
Questa non è un’iniziativa con un obiettivo o una scadenza immediata, proponiamo, piuttosto, una catena di solidarietà, anche attraverso un digiuno a staffetta, per rifiutare il ruolo di spettatori passivi e perché la carcerazione di Sofri e Bompressi non cada nell’oblio.
Per Sofri e BompressiUn digiuno contro l’oblioQuesta non è un’iniziativa con un obiettivo o una scadenza immediata, proponiamo, piuttosto, una catena di solidarietà, anche attraverso un digiuno a staffetta, per rifiutare il ruolo di spettatori passivi e perché la carcerazione di Sofri e Bompressi non cada nell’oblio.
Sono migliaia in Italia le persone condannate a vivere in coma per anni, anche per decenni, senza che nulla o quasi venga tentato per farli uscire dallo stato vegetativo. L’unica salvezza per loro sarebbe la continua assistenza di specialisti, fisioterapisti, massaggiatori, logopedisti che giorno dopo giorno li riportino in vita. In rari casi succede: quando schiere di volontari si danno il cambio al capezzale di uno di loro. Ma nella stragrande maggioranza dei casi il coma resta una strada senza uscita, nell’indifferenza delle istituzioni. Per assistere il figlio, ai genitori non resta che lasciare il lavoro. Ma le spese si fanno insostenibili…

saint vincent 2013

Vetrina

Servizio Pubblico