Articoli filtrati per data: Ottobre 2020

    16 Ottobre 2020 - 11:51

    Una nuova puntata di "O anche no"

    "O ANCHE NO" 
    Da vicino nessuno è normale
     
    Domenica 18 ottobre su RAI 2 alle 9.20 circa e venerdì 23 ottobre in replica alle 24,55 circa una nuova puntata di “O anche no”, il programma dedicato all’inclusione e alla solidarietà realizzato con RAI PER IL SOCIALE.
    L’immancabile cooking show questa volta si svolge ad Amelia, presso la Comunità Incontro, dove con grande impegno si lavora tutti insieme per superare la “disabilità della tossicodipendenza”,
    Paola Severini Melograni incontrerà un grande viaggiatore, Federico Villa, atleta paralimpico, che racconterà il suo viaggio in Vietnam . Vedremo anche un frammento del documentario “Rolling Vietnam”, girato durante il viaggio con la giornalista Daniela Sala.
    Anche stavolta il “prestigiattore” Andrea Paris sfiderà con uno dei suoi giochi l’aspirante mago di turno.
    Rebecca Zoe De Luca, giovanissima giornalista che soffre di una malattia rara, ci parlerà del ritorno nei cinema del film “Elephant man” di David Lynch. A questa notizia Stefano Disegni dedicherà la sua “striscia”.
    Ascolteremo i Ladri di Carrozzelle “live in Frascati” alle prese con “Cavalcando la luna”. Paola intervisterà uno dei musicisti, da questa puntata nella formazione: il chitarrista e bassista Danilo Pacifici che suonerà con il gruppo una “cover”: “Jump!
     

    O ANCHE NO è scritto da Paola Severini Melograni e Maurizio Gianotti. La regia è di Davide Vavalà.
     
     
     
    Pubblicato in Vetrina

    La Giornata mondiale dell’alimentazione è ancor più significativa, nell’anno della pandemia. La necessità del settore agricolo di essere posto nelle condizioni di assicurare alle popolazioni, nonostante la pandemia, cibo sufficiente - in quantità, qualità e sicurezza alimentare - è emerso in tutta la sua prepotente importanza. Lo sottolinea Confagricoltura in occasione del ‘World Food Day 2020’ della FAO.

    Il tema della Giornata dell’alimentazione di quest’anno – ‘Coltivare, nutrire, preservare. Insieme’ - sta ad evidenziare la stretta interconnessione tra produzione alimentare, nutrizione e salute.

    Pubblicato in Argomenti

     

    Si assiste a una accelerazione nella evoluzione dell’epidemia ormai entrata in una fase acuta con aumento progressivo nel numero di casi, evidenze di criticità nei servizi territoriali ed aumenti nel tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva e area medica che rischiano, in alcune Regioni/PA, di raggiungere i valori critici nel prossimo mese. É quindi necessaria una rapida analisi del rischio sub-regionale per il tempestivo innalzamento delle misure di contenimento e mitigazione nelle aree maggiormente affette sulla base delle linee di indirizzo fornite nel documento “Prevenzione e risposta a Covid-19: evoluzione della strategia e pianificazione nella fase di transizione per il periodo autunno-invernale” trasmesso con Circolare del Ministero della Salute del 12/10/2020 Prot. 32732. Si fa appello alla popolazione di rispettare con coscienza e precisione tutte le norme di precauzione previste (in particolare il distanziamento fisico e l’uso corretto e appropriato delle mascherine) e di evitare quanto più possibile situazioni che possano favorire la trasmissione quali aggregazioni spontanee e programmate per evitare un ulteriore peggioramento che potrebbe richiedere restrizioni territorialmente diffuse.

    Pubblicato in Medicina e salute

    Mercoledì 14 ottobre, i rappresentanti del gruppo "#5BuoneRagioni” hanno partecipato al Tavolo Infanzia del Governo presentando alcune proposte.

    Pubblicato in Infanzia

    PAST NOW SOON - URBAN LAB TORINO: Dal 16 ottobre Torino e l'area metropolitana hanno un nuovo luogo-laboratorio. Fotografie, videoinstallazioni e mappe interattive accompagnano in un percorso che analizza le trasformazioni di Torino e della sua area metropolitana e che, a partire dalla storia recente della città propone una fotografia dell'oggi e uno sguardo verso possibili futuri. Uno spazio-laboratorio dinamico nel quale sarà possibile per il visitatore contribuire attivamente a costruire la propria visione di città.

    Pubblicato in Vetrina

    Promosso da ADSI e Fondazione Bruno Visentini, con il contributo di Confagricoltura eConfedilizia e il supporto di Banca Consulia, l’Osservatorio è la fonte di riferimento per la corretta definizione del ruolo economico, culturale e sociale del sistema degli immobili privati di interesse storico-artistico in Italia

    Pubblicato in Cultura

    L’ufficio delle Nazioni Unite per la riduzione del rischio di catastrofi (Unsdir) ha pubblicato negli ultimi giorni un rapporto dal quale è emerso che i disastri naturali sono raddoppiati negli ultimi venti anni. L’analisi prende in considerazione il periodo che va dal 2000 al 2019, nel quale si sono registrati un numero di catastrofi pari a 7.348 che hanno causato la morte di oltre 1,2 milioni di persone e una perdita di quasi 3 miliardi di dollari.

    Nel ventennio precedente (1980-1999) le calamità naturali verificatesi erano state 4.212, avevano provocato oltre un milione di vittime e un costo di 1,63 miliardi di dollari. Molti dei disastri naturali sono strettamente collegati al clima (quindi ai cambiamenti climatici): tra il 1980-1999 erano stati 3.656, mentre nel ventennio successivo 6.681. Anche le grandi inondazioni sono passate da 1.389 a 3.254, le tempeste da 1.457 a 2.034; e, infine, si è registrato pure un aumento del numero di incendi, di periodi di siccità e di temperature estreme raggiunte. Gli eventi geofisici come terremoti e tsunami, intercorsi tra il 2000 e il 2019, hanno fatto più vittime di tutte le altre calamità messe insieme. Si tratta di una miriade di dati che sono molto più di un semplice avvertimento, e meglio ancora di un allarme, riguardo l’emergenza climatica e i suoi relativi “effetti collaterali” che stanno divenendo sempre più diffusi, frequenti e catastrofici.

    “Siamo intenzionalmente distruttivi. Questa è l'unica conclusione alla quale si può giungere quando si esaminano gli eventi catastrofici degli ultimi vent'anni. Il COVID-19 non è che l'ultima prova che i leader politici e aziendali devono ancora sintonizzarsi con il mondo che li circonda – afferma Mami Mizutori, rappresentante speciale dell’Unsdir - Le agenzie per la gestione dei disastri, i dipartimenti della protezione civile, i vigili del fuoco, le autorità sanitarie pubbliche, la Croce Rossa e la Mezzaluna Rossa e molte ONG stanno combattendo una dura battaglia contro una marea sempre crescente di eventi meteorologici estremi. Vengono salvate più vite ma sono sempre di più le persone colpite dall'espansione dell'emergenza climatica.”

    https://www.undrr.org/news/drrday-un-report-charts-huge-rise-climate-disasters

    A cura di Simone Riga

    Pubblicato in Newsletter

    Oltre 42 miliardi di investimenti per interventi di riqualificazione energetica, di cui 3,5 miliardi solo nel 2019, con un risparmio complessivo di circa 17.700 GWh/anno, di cui poco più di 1.250 GWh/anno nel 2019. È questo in estrema sintesi il bilancio di 13 anni di ecobonus, il meccanismo per incentivare l’efficienza energetica negli usi finali introdotto nel 2007. Grazie a questa detrazione fiscale e ad altre tipologie di incentivo, inoltre, nel 2019 sono stati ottenuti risparmi per 250 milioni di euro sulla bolletta energetica nazionale e una riduzione delle emissioni di COdi oltre 2,9 milioni di tonnellate.

    Pubblicato in Argomenti

    Venerdì 16 ottobre  alle ore 17:00 verrà dedicato a Willy il giardino di via Guglielmo Pepe nel rione Esquilino di Roma, alla presenza della presidente del Municipio I Centro Sabrina Alfonsi, della famiglia del ventenne e della comunità capoverdiana.

    Pubblicato in Argomenti

    Da venerdì 16 a domenica 18 ottobre si tiene, alla Mole Vanvitelliana di Ancona, KUM! Festival, manifestazione con la direzione scientifica dello psicoanalista Massimo Recalcati e il coordinamento scientifico del filosofo Federico Leoni, organizzata dal Comune di Ancona e dal Fondo Mole Vanvitelliana, con il sostegno della Regione Marche e della Fondazione Cariverona e con la cura di Jonas Ancona per le attività sul territorio (www.kumfestival.it). L’edizione 2020 di KUM! sarà un’edizione speciale, interamente dedicata a La Cura. Non si tratta quindi della quarta edizione del festival – il cui tema era già stato annunciato a fine del 2018 ed è rimandato al 2021: La vita, alla fine – ma di una tre-giorni di riflessione che intende occuparsi esclusivamente del drammatico momento attuale che il mondo vive con la pandemia, nella convinzione che solo analizzare e capire le dinamiche permette poi di guarire. «Il nostro paese e il nostro mondo sono stati scossi da un trauma senza precedenti – dichiarano Massimo Recalcati e Federico Leoni – Un virus sconosciuto ha mietuto vittime senza numero. Ci ha costretto a un drammatico lockdown. Ha messo a durissima prova la nostra esistenza, la nostra società, la nostra economia. Ma altrettanto difficile è la ripresa della vita dopo il trauma. Una ripresa urgente ma incerta. Una ripresa che procede in uno scenario di incognite, affidata a soluzioni fragili e parziali. Ripensare questo doppio trauma, l’interruzione della vita e la ripresa della vita, è il compito delicato e necessario che ci attende. Perché un trauma che resta impensato è un trauma che rischia di ripetersi, di migrare silenzioso attraverso gli spazi della vita psichica e collettiva, di irrompere ancora e ancora, sotto spoglie imprevedibili e catastrofiche. Ripensare il trauma non è la premessa alla ripartenza, è la ripartenza stessa. Il tempo del pensiero è quel tempo fuori dal tempo grazie al quale ci si scopre, infine, in un tempo nuovo».

    La Mole Vanvitelliana, progettata da Luigi Vanvitelli, sorge su un'isola artificiale pentagonale nel porto di Ancona. Originariamente era un lazzaretto che salvaguardava la salute pubblica ospitando depositi ed alloggi per merci e persone in quarantena, che arrivavano al porto da zone ritenute non sicure: per questo fu costruito su un'isola artificiale fuori dal territorio cittadino. È dunque la casa ideale per il festival e quest’anno più che mai è emblema della Cura. Ripartire da qui, con una grande riflessione sull’emergenza socio-sanitaria, amplifica il simbolismo del luogo, che è palcoscenico di un dialogo aperto non solo a specialisti della clinica – psicoanalisti, psichiatri, medici – ma anche a filosofi, scrittori, architetti e virologi.

    Pubblicato in Cultura

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.