29 Settembre 2020 - 07:00

    2050: Cronache marine. Il docufilm che ci mette in guardia

    Scritto da
    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    L’organizzazione Oikos ha prodotto un docufilm che mostra uno scenario futuro disastroso dello stato dei mari dove i personaggi principali che li vivono sono: la cacciatrice di sacchetti, lo chef di microplastiche, la collezionista di packaging e il pescatore di bottiglie. Queste figure, per quanto lontane dalla odierna realtà, ci pongono dei dubbi su quello che potrà davvero riservarci l’avvenire.

    Seppure si tratta di una visione distopica, molti dei riferimenti fatti all’interno del documentario non ci sono nuovi, anzi tutt’altro. Come le microplastiche che si inseriscono in una catena alimentare che parte dall’uomo e torna all’uomo, attraverso le specie marittime. I sacchetti, i cotton fioc, oggi anche le mascherine, e così via con un’altra miriade di oggetti monouso che sono entrati nelle nostre vite già da tanto tempo. Per quanto possa essere di natura pessimistica, l’intento di questo docufilm è di mostrarci con nuda e cruda realtà quel che potrà essere il domani se non si interviene con forza e decisione nella battaglia contro l’inquinamento, se non si entra in un’ottica di vita sostenibile, che va dal singolo cittadino alla multinazionale.

    Per guardare il docufilm aprite il seguente link https://www.istituto-oikos.org/2050-cronachemarine#oikos

    A cura di Simone Riga

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.