14 Agosto 2019 - 12:58

    “Malafollia”

    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    Il libro nato dal Premio Goliarda Sapienza – Racconti dal carcere

     

    Stai entrando nel gioco”, disse il padre a Leonardo, quando gli confidò che anche il suo mondo non era come quello degli altri. E Leonardo, dal gioco della follia, non uscì più. Edmond, invece, ricorda che quando era piccolo faceva piccoli tagli sotto un occhio e aspettava che colasse il sangue per gridare qualcosa al mondo, ma il mondo non gli rispose mai. Michele sta fuori dal carcere, così crede, ma le ‘voci’ lo perseguitano e lui non sa più chi sia né come si chiami. E dove si trovi. Patrizia rivede sé stessa, a pochi mesi, in braccio alla madre alla Stazione Termini di Roma… Occhioni verdi e sguardo intenso, Patrizia non piange quando la mamma la porge a un’altra donna dicendo “Se ne occupi, faccia la cosa giusta per lei”. Sono trascorsi ventidue anni da quel giorno e Patrizia non piange neanche da dietro le sbarre di una cella, anche se scrive “in certi momenti esce fuori il mostro che è in te”. Il regime di Elevato Indice di Vigilanza è quello che catapultò Bastiano dalla Sardegna, alla sezione d’isolamento dell’“infame carcere abruzzese”. Se fosse rimasto un anno senza parlare con nessuno avrebbe perso l’uso della parola, così escogitò un sistema: cominciò a parlare da solo, “e mentre parlavo, mani solerti compilavano l’ennesimo rapporto disciplinare…” Meglio che impazzire. Sesto Lario aveva imparato a urlare dentro di sé la rabbia: “Un fallito, un fallito, un

    fallito!” gridava contro quel destino che non gli permetteva di essere l’artefice della sua vita. Ma poteva esserlo della sua morte.

    I sei racconti di Malafollia sono scritti dagli autori che si sono distinti nel corso delle diverse edizioni del Premio Goliarda Sapienza – Racconti dal carcere. Il leitmotiv è la follia dentro le mura di un carcere. Qualcosa che tutti loro hanno visto, vissuto, toccato. Storie di grande impatto emotivo che trascinano nei negli angoli più misteriosi della mente umana. Il volume è curato da  Antonella Bolelli Ferrera,  ideatrice e curatrice del Premio Goliarda Sapienza, il concorso letterario nato nel 2011 e rivolto alle persone detenute, con il coinvolgimento diretto di grandi scrittori e artisti nelle vesti di tutor. Fin dalla sua nascita, ha come madrina la scrittrice Dacia Maraini, ed è organizzato da Inverso Onlus con il sostegno di SIAE.

    Malafollia, AA.VV:, a cura di Antonella Bolelli Ferrera,  2019 Giulio Perrone editore.

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.