09 Aprile 2020 - 02:04

    CONFCOOPERATIVE LAZIO Coronavirus: il settore sociale riparte. Accordo firmato con la Regione

    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    CONFCOOPERATIVE LAZIO Coronavirus: il settore sociale riparte. Accordo firmato con la Regione.

     

    Fare ripartire i servizi sociali per assicurare inclusione sociale e assistenza alle fasce più deboli. Con questo scopo Regione Lazio, ANCI Lazio, Forum Terzo Settore Lazio, Legacoop Lazio, Confcooperative Federsolidarietà Lazio, AGCI Lazio, CNC, CGIL, CISL e UIL, hanno sottoscritto un Protocollo,  approvato il 7 aprile con Delibera della Giunta regionale, per dare il via alla concreta applicazione dell’ art.48 del Decreto Cura Italia,  definendo una disciplina comune ed eterogenea su tutto il territorio regionale con l’obiettivo di riavviare i servizi sociali ed educativi ad oggi sospesi.

    «Questo protocollo rappresenta il riconoscimento e l’attestazione della dignità di un lavoro che le nostre cooperative hanno svolto incessantemente in queste settimane per non lasciare soli i cittadini più fragili nel momento di maggiore difficoltà in attesa che le istituzioni deliberassero le nuove procedure ha spiegato Filomena Iezzi, Presidente di Federsolidarietà Lazio -. Esprimiamo grande soddisfazione per la scelta delle istituzioni di agire tempestivamente e con una lungimirante visione politica nel definire linee di omogeneità su tutto il territorio regionale a tutela di tutte le parti: amministrazioni comunali, cittadini fragili, enti gestori e lavoro». 

    «Questo protocollo è frutto della volontà da parte della Regione Lazio di garantire la continuità dei servizi che a causa dell’emergenza Covid-19 sono stati sospesi – ha aggiunto Alessandra Troncarelli, assessore alle Politiche sociali, Welfare ed Enti locali della Regione Lazio -. Ora i Comuni e gli enti gestori, grazie alla co-progettazione, potranno riorganizzarli nella cornice di un quadro chiaro. Questo ci consentirà di centrare un duplice obiettivo: stare accanto alle famiglie del Lazio con prestazioni socio-educative, assistenziali e sanitarie, ma anche assicurare l’occupazione nel terzo settore».

    «Continuiamo a lavorare costantemente insieme alla Regione Lazio per fornire ai Comuni il supporto e il sostegno di cui hanno bisogno sui temi maggiormente importanti e di attualità – ha detto Riccardo Varone, Presidente ANCI Lazio -. Il lavoro che portiamo avanti insieme al Vicepresidente Leodori e agli assessorati regionali in questo periodo, è proficuo e importantissimo, una collaborazione che, anche alla fine di questa crisi, avrà la sua naturale prosecuzione e di questo non possono che beneficiarne tutte le amministrazioni e i cittadini del Lazio. Questo accordo pone le condizioni per dare risposte urgenti ai bisogni delle famiglie degli anziani, dei disabili e delle persone in difficoltà e salvaguarda la continuità retributiva dei lavoratori operanti nei servizi e gli operatori del terzo settore che instancabilmente lavorano in questa situazione così critica e che ringrazio per la loro professionalità».

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.