23 Settembre 2020 - 10:53

    Armi da fuoco in America e Italia: un po' di dati

    Scritto da
    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    Com’è noto, i poliziotti americani uccidono circa mille persone l’anno a colpi di armi da fuoco. La polizia locale americana non è sotto il controllo federale e il numero non varia molto nel tempo. Il dato italiano non sembra pubblicamente disponibile, ma nell’ultimo anno la polizia inglese ha ucciso con le armi tre persone e nell’anno recente peggiore - quello tra il 2016 e il 2017 - ne ha uccise sei.

    Il dato americano è imperdonabile, ma il paese ha una caratteristica di cui bisogna tenere conto: è l’unica nazione occidentale dove la popolazione civile è mediamente meglio armata degli agenti. Secondo le statistiche più recenti, i cittadini privati americani detengono oltre 393 milioni di armi da fuoco: 120,5 “pezzi” per ogni cento residenti… Ciò non giustifica niente, ma un po’ spiega la tendenza degli agenti Usa a sparare prima e porsi delle domande solo in seguito.

    La grande “best seller” tra le armi leggere in mano ai privati è il fucile d’assalto semi-automatico che appare qui sopra, l'AR-15, la versione civile del M6, il fucile automatico d’ordinanza in dotazione alle forze armate americane. Il suo disegno, almeno in forma primitiva, risale alla fine degli anni Cinquanta - per quanto “l’estetica” è abbastanza cambiata da allora. Nell’ultimo decennio l’arma è diventata, secondo il New York Times, “il fucile più amato e più diffamato” degli Stati Uniti, in quanto simbolo dell’amore americano per le armi.

    Ha una particolarità. Creato anche per essere prodotto velocemente e assemblato da operai non specializzati, l’AR-15 è molto spesso venduto liberamente in “kit” da montare a casa. Dal punto di vista legale, l’unica parte dell’arma che è da considerarsi sotto il controllo statale è il “castello”, il blocco di componenti che contiene il grilletto e le altre parti operative, oltre a riportare il numero seriale. L’elemento va acquistato a parte da un armaiolo autorizzato; tutto il resto è semplice ferramenta. Il fucile “fai-da-te” costruito in questa maniera costa attorno ai 300-400 dollari (dai €250 ai €350), a volte pure un po’ meno.

    Le recenti proposte di togliere la polizia dalle strade, emerse a seguito dello scoppiare della protesta “Black Lives Matter”, ne hanno ulteriormente spronato le vendite - al punto di causare una grave penuria di munizioni calibro .223/5.56mm NATO normalmente utilizzato dall’AR-15.

    (Fonte Nota Design)

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.