AngeliPress

    AngeliPress

    Gli 80 anni di Umberto Piersanti, tra i più grandi poeti italiani contemporanei

    Auguri di buon compleanno al poeta e scrittore Umberto Piersanti, per i suoi 80 anni. Piersanti debutta con La breve stagione nel 1967 a 26 anni, nel 94 vince il Premio Nazionale Letterario Pisa e - dopo una serie di altri premi per la poesia - nel 2016 vince il premio Ponte di legno poesia; dirige la rivista di letteratura contemporanea e creatività Pelagos ed è editorialista di Angelipress. Candidato al Nobel per la Letteratura nel 2005, è considerato tra i più grandi poeti italiani contemporanei.

    Golden Globe 2021: la prima volta per una canzone italiana

    Laura Pausini trionfa con Io sì (Seen), frutto della collaborazione con Diane Warren e Nicolò Agliardi. Il brano è la colonna sonora del film La vita davanti a sé, del regista Edoardo Ponti con (la madre) Sophia Loren, disponibile sulla piattaforma a pagamento Netflix. Si tratta di un adattamento del romanzo omonimo del 1975 scritto dal francese Romain Gary, già portato sul grande schermo con un film nel 1977.

    La trama del libro: Il pomeriggio del 3 dicembre del 1980, Romain Gary si recò da Charvet, in place Vendôme a Parigi, e acquistò una vestaglia di seta rossa. Aveva deciso di ammazzarsi con un colpo di pistola alla testa e, per delicatezza verso il prossimo, aveva pensato di indossare una vestaglia di quel colore perché il sangue non si notasse troppo.
    Nella sua casa di rue du Bac sistemò tutto con cura, gli oggetti personali, la pistola, la vestaglia. Poi prese un biglietto e vi scrisse: «Nessun rapporto con Jean Seberg. I patiti dei cuori infranti sono pregati di rivolgersi altrove». L'anno prima Jean Seberg, la sua ex moglie, l'attrice americana, l'adolescente triste di Bonjour tristesse, era stata trovata nuda, sbronza e morta dentro una macchina. Aveva 40 anni. Si erano sposati nel 1962, 24 anni lei, il doppio lui. Il colpo di pistola con cui Romain Gary si uccise la notte del 3 dicembre 1980 fece scalpore nella società letteraria parigina, ma non giunse completamente inaspettato. Eroe di guerra, diplomatico, viaggiatore, cineasta, tombeur de femmes, vincitore di un Goncourt, Gary era considerato un sopravvissuto, un romanziere a fine corsa, senza più nulla da dire.

    Appuntamento sulla pagina Facebook della Fondazione CON IL SUD

    Il 3 marzo, in diretta sulla pagina Facebook della Fondazione CON IL SUD, ci sarà la presentazione del libro “Oltre il Coivd. 365 idee per superare la crisi” della giornalista Paola Scarsi. È un volume che raccoglie storie di piccole e grandi imprese che hanno cercato di far fronte alla crisi pandemica con creatività, impegno e solidarietà.

    Qui il link per maggiori informazioni:

    https://www.fondazioneconilsud.it/news/oltre-il-covid-presentazione-su-facebook/

    Cuore e colori, un editoriale della nostra Gaia Simonetti

    I colori li porta con sé, nella vita. Disegna la cornice di un nuovo giorno con i pastelli. “Il sorriso di un bambino è il colore più bello – mi dice – e se il sorriso è ritrovato è il dono più grande.” Ho incontrato da remoto Andrea Diottallevi. Ah, pardon, lo devo chiamare Claun Micciu. Proprio claun, scritto come si pronuncia. La sua è la storia di un uomo di cuore. Ha ascoltato il cuore e ha deciso di seguirlo. Ha dovuto fare un viaggio dentro di sé. Non ci sono state solo discese, ma tante salite. “La malattia di un bambino ti può fermare – racconta – ci sono stati momenti in cui era più facile scendere che salire le scale della corsia dell’ospedale pediatrico.” Ma non si è tirato indietro e ha fatto appello al suo “amico”, il sorriso, fedele alleato del naso rosso. “Se dovessi dire come è nato Claun Micciu- spiega – direi davanti a un manifesto che metteva in bella vista il logo dell’Associazione di clownterapia VIP Claun Ciofega Senigallia, con la data del corso base per poter prestare volontariato nelle corsie degli ospedali”. Quel corso è il regalo che si è fatto. Quello inatteso, inaspettato, che meraviglia. “Il coraggio mi ha accompagnato in questo ‘viaggio” – mi dice, e anche se siamo in video-conferenza, riesco a vedere la luce nei suoi occhi – e mi ha dato l’occasione unica e irripetibile di stare con me stesso e godermi tutte le emozioni che avrei potuto vivere con i bambini. Piansi, risi, usai le mani per accarezzare e gli occhi per vedere come non mi era mai capitato prima; all’interno di quella stanza, lasciai andare le paure. Volarono. Alla fine, tra le mani, mi misero un naso rosso, il rosso del cuore.” Da allora quel naso di plastica è sempre con me. Ha raccolto le incertezze, ma anche la forza e la bellezza dello stupore di un bambino. È stata un’opportunità. Grande. Claun Micciu mi saluta con un sorriso. È il sorriso di chi porta i colori.

    Da Women 20 la sfida ai leader mondiali per la parità di genere

    Da Women 20 la sfida ai leader mondiali per la parità di genere, fondamentale soprattutto in un momento in cui la crisi pandemica non ha fatto che incentivare l'aggravarsi delle questioni femminili. Per aprire gli occhi sulla gravità della situazioen è sufficiente guardare ai numeri Istat sui posti di lavoro persi nel 2020.  Per questa ragione il messagio del gruppo, di cui Linda Laura Sabbadini si fa portatore, è che le donne, rappresentando la metà della popolazione mondiale, oggi non chiedono la semplice inclusione, ma l'empowerment femminili tout court.

    WEBINAR - L’inclusione lavorativa delle persone con disabilità in cifre

    Presentazione della IX Relazione al Parlamento sullo stato di attuazione della Legge 68/1999 - 1 marzo 2021 Ore 11.00 – 13.00

    Saluti di Tania Scacchetti, Segretaria Confederale CGIL; Introduzione di Nina Daita, Responsabile Ufficio politiche attive per le disabilità CGIL; Intervento di Angelo Fabio Marano, Direttore Generale per la lotta alla povertà e per la programmazione sociale (coordina le politiche per la tutela e la promozione dei diritti delle persone con disabilità) – Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali; Illustrazione della Relazione Franco Deriu, Ricercatore INAPP Coordinatore indagine IX Relazione al Parlamento

    IN DIRETTA streaming su collettiva.it

    Carlotta Pignatti Costamagna, baby imprenditrice

    Riproponiamo un articolo del direttore Paola Severini Melograni uscito sul Messaggero di sabato 20 febbraio: Carlotta Pignatti Costamagna, baby imprenditrice: «Ho trasformato l'azienda di famiglia, produco riso biologico al 100%»

    Si dice che la prima generazione lavora, la seconda spende, la terza dilapida. Può capitare che le grandi aziende familiari sempre più rinuncino alla gestione diretta dell'impresa delegando ad amministratori esterni. A volte l'operazione riesce, a volte invece è un disastro ma in questo caso il fondatore ha scelto di rovesciare il tavolo privilegiando un'erede giovanissima. Parliamo del gruppo Pellan Italia Sapa. Chi lo ha creato, Achille Costamagna, ha deciso di saltare la seconda generazione, quella che spende. 

    Carlotta è nata a Vigevano 28 anni fa ed ha avuto una vera e propria investitura da parte di nonno Achille, tycoon del sintetico creativo, il quale ha dato fiducia a questa nipotina curiosa che aveva già fatto parlare di se due anni fa realizzando il terzo investimento italiano in una startup premiata da Forbes: uno spin-off dell'istituto italiano di tecnologia che industrializza il grafene ormai definito il materiale delle meraviglie. Poi Carlotta ha continuato la sua missione SustainItaly, perché si considera interprete di un nuovo made in Italy. In particolare nel settore dei tessuti non tessuti lavorando il mais.

    E non solo: nell'azienda agricola (Cerere81) ha trasformato progressivamente in bio la risiera di famiglia immaginando il ri-uso degli scarti di riso con la duplice possibile destinazione della cosmesi da un lato, e dei materiali per la bio-edilizia dall'altro. Nella risaia Carlotta ha dato vita anche ad un museo del riso con l'obiettivo di coinvolgere genitori e figli attorno all'esperienza degli orti, facendo sempre leva sulla cultura della sostenibilità.

    «Ho pensato che delle galline avrebbero fatto al caso mio nella cascina seicentesca dove coltiviamo riso: se dovevo concimare il terreno del mio riso bio, bastava farle razzolare in libertà. Metterle nelle loro casette su ruota, farle spostare a ogni fine giornata e così concimano tutto il campo. Sono partita dalle galline perché le loro deiezioni, la pollina, rappresentano un concime tipico dell'agricoltura biologica».

    FIDUCIA
    «E il riso che ho deciso di produrre è cento per cento biologico. 100 ettari quest'anno, 100 il prossimo. A differenza dei produttori di riso convenzionale, che abitualmente fanno ampio uso di fertilizzanti chimici, chi sceglie di coltivare riso biologico deve ricorrere a una serie di misure naturali per mantenere e migliorare la fertilità del suolo. Oltre al concime biologico, si può attuare una rotazione delle colture piantando leguminose dalle radici profonde, oppure i girasoli. La coltivazione del riso è una metafora della vita. Acqua, sole, terra. Dimenticavo: con la lolla e la pula del riso gli scarti di tutte queste lavorazioni -, oltre a ottenere concimi organici si possono finalizzare ricerche per prodotti bio-cosmetici o materiali per la bio-edilizia».
    Questa della coltivazione in asciutta del riso è una pratica divenuta diffusa negli ultimi 15 anni. Garantisce un minore impatto ambientale: meno acqua (ne è richiesta un quinto rispetto alla semina convenzionale); meno emissione combinata in atmosfera, di vapore acqueo e di gas.

    FUTURO
    Carlotta spiega anche che le macchine agricole non operando su terreno allagato, si corrodono meno, e i loro trasferimenti risulteranno più facili, poiché si terranno su pneumatici anziché sulle ruote in ferro a puntoni richieste dalle risaie allagate, che obbligano allo spostamento su rimorchi e trattori appositamente dedicati. Ci mette passione e competenza con l'occhio attento al risparmio. «La sostenibilità di cui parliamo è tutto questo. Per cambiare questo mondo che cambia». Dal riso biologico, al grafene, alle stoffe non stoffe fatte con il mais. Carlotta va avanti con l'occhio da imprenditrice, il cuore contadino e la visione ampia delle giovani risorse italiane.

    Nuovo bando promosso da Con i Bambini

    Nuovo bando promosso da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

    Il bando è rivolto al mondo del Terzo settore e si propone di identificare, riconoscere e valorizzare le comunità educanti, intese come comunità locali di attori (famiglie, scuola, singoli individui, reti sociali, soggetti pubblici e privati) che hanno, a diverso titolo, ruoli e responsabilità nell’educazione e nella cura di bambini e bambine, ragazzi e ragazze che vivono nel proprio territorio.

    Tutte le informazioni di contesto e di bando sono disponibili qui https://www.fondazioneconilsud.it/news/comunita-educanti-bando-di-con-i-bambini-per-le-alleanze-educative/

    "Le religioni in ospedale. Integrare spiritualità e medicina nelle pratiche di cura"

    Si tratta del terzo di una serie di eventi volti a far conoscere gli intenti e i risultati del progetto omonimo finanziato dalla Fondazione CRT. La ricerca mira ad avviare un progetto pilota di formazione degli operatori sanitari alle esigenze religiose e spirituali dei pazienti ospedalieri – con riferimento a Città della Salute e della Scienza di Torino – nell'ottica del crescente pluralismo religioso del territorio torinese. Con esso s'intende contribuire a promuovere il welfare di comunità in un'ottica di inclusione e di coesione. 

    Introduce e modera: Cristina VARGAS (Fondazione Fabretti)

    Intervengono: Don Paolo FINI (Pastorale della Salute, diocesi Torino) e Pastore Sergio MANNA (Facoltà valdese di Teologia, Roma)

    Il 21 febbraio si celebra la Giornata nazionale dell’alfabeto Braille

    Il 21 febbraio si celebra la Giornata nazionale dell’alfabeto Braille, sistema che ha cambiato completamente il modo di vivere di milioni di persone con disabilità visiva. Ancora oggi è uno strumento indispensabile e insuperato con cui i non vedenti possono scrivere, leggere e comunicare, e quindi imprescindibile per la loro integrazione nel tessuto sociale, scolastico, lavorativo e culturale di qualsiasi comunità.

    Page 1 of 89

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.