08 Maggio 2003 - 13:29

    Breve storia del fondatore del Movimento Emmaus

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    Henri Antoine Grou s, detto Abb Pierre nasce a Lione il 5 agosto 1912.
    \r\nNel 1938 viene ordinato sacerdote. \r\nNel 1942 comincia, per caso, un'intensa azione di salvataggio delle vittime della tirannia nazista. E' in questa occasione che l'Abb Grou s, diventa l'Abb Pierre.
    L'Abb Pierre salva diverse persone (ebrei, polacchi) ricercate dalla Gestapo. Falsifica passaporti, diventa guida alpina e trasporta attraverso le Alpi ed i Pirenei le persone in pericolo.
    Nel 1943, diventa "partigiano" ed organizza l'Armata di Vercors che tanta parte ha avuto per la liberazione della Francia dal nazismo. Ricercato lui stesso dalla Gestapo, come Abb Houdin, rientra a Parigi ed organizza un nuovo laboratorio di documenti falsi.
    Verso la del 1944, di ritorno da una viaggio alla ricerca di nuovi "passaggi" in Spagna di persone in pericolo che la Svizzera non accettava pi , viene arrestato dalla Gestapo. Riesce a scappare e viene spedito ad Algeri in aereo nascosto in un sacco postale.
    \r\nDopo la guerra, rientra a Parigi e viene eletto Deputato alla Assemblea Nazionale e nel 1947 fonda il Movimento Universale per una Confederazione Mondiale.
    \r\nVerso la fine del 1949, accoglie a casa sua, George, assassino, ergastolano, mancato suicida. Inizia da questo incontro il Movimento Emma s, alla condizione del quale si decica totalmente dal 1951.
    \r\nDal 1952 al 1954 gira la Francia e l'Europa per conferenze che presentano all'opinione pubblica i problemi pi urgenti per l'umanit .
    "L'insurrezione della bont " porta alle Comunit Emma s una quantit impensabile di denaro e di doni in natura. Nonostante l'afflusso di tanto denaro, non viene smesso il lavoro di stracciaioli su cui si basava agli albori la comunit ; viene anzi aperto il primo cantiere per 82 case per senzatetto.
    L'Abb Pierre gira tutte le citt della Francia e anche diversi paesi d' Europa per incontri e conferenze. Capi di stato e di governo, esponenti delle diverse Chiese e religioni: tutti si rivolgono a Lui per un aiuto, un consiglio.
    Dopo una lunga malattia, ricomincia a girare il mondo. Stati Uniti e Canada. Poi, Olanda, Spagna, Portogallo, Svizzera, Italia, Austria, India, Scandinavia, Brasile, Per , Argentina, Bolivia, Colombia, Cile e Venezuela, ed infine il Libano. Ovunque cominciano a sorgere le Comunit Emma s, comunit di poveri che mediante il lavoro di recupero e riutilizzo di quanto viene buttato via, si guadagnano da vivere onestamente e si permettono il "lusso" di aiutare chi sta ancora peggio.
    Riceve diverse onorificenze che accetta come occasioni preziose per diffondere a tutti i livelli ed in tutte le circostanze, la sua provocazione e la sua "guerra alla miseria ed alle sue cause sempre e dovunque ricorrenti".
    Tra le altre: 1981: Legion d'onore, 1991: Premio Balzan per la Pace.
    Numerosi sono i libri, in tutte le lingue, che vengono pubblicati sulle "azioni che non si possono fare" e che lui fa, sulle "cose che non si possono dire" e che lui grida a tutti, grandi e piccoli della terra.
    \r\nEscono anche due film: "Uomini senza casa, nel 1957, e "Invero '54" nel 1990.
    \r\nOggi, a 84 anni, stanco ed ammalato, l'Abb Pierre vive nella Comunit La Halte d'Emmaus, a Esteville, in Normandia, con i comunitari pi anziani e pi malati, ma non esita a "uscire", a scendere in piazza a difendere i diritti degli Immigrati, degli sfrattati, dei senzatetto, ad occupare piazze e case sfitte, perch chi non ha casa trovi un tetto ove riposare, obbligando le autorit a trovare una soluzione definitiva.\r\n\r\n
    Ultima modifica il 08 Maggio 2003 - 13:29

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.