×

    Attenzione

    JUser: :_load: Unable to load user with ID: 109701

    20 Gennaio 2021 - 05:11

    C’ERANO, UNA VOLTA, I BAMBINI... Di Marzia Masiello

    Scritto da
    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    C’e un futuro dopo la pandemia? 

    “… Dalla pandemia stiamo imparando…” è il ritornello che tutti ripetiamo più volte al giorno. 

    Stiamo imparando? 

    Sfibrati, atterriti, stanchi, svuotati – a noi adulti  è rimasto poco o niente delle convinzioni, delle abitudini che avevamo anche solo un anno fa.

    Siamo uomini e donne – alcuni- silos frantumati e naufraghi, molti dei quali ostinati a voler conservare, a tutti i costi, vecchi schemi, certezze, lezioni di vita da impartire.

    Uomini e donne – altri-  gente di ferrea volontà- che la resilienza non la parlano ma la fanno, diventando sorgenti di sorriso, entusiasmo, lavoro duro.

    Sto incontrando  un po’ di ragazzi in grintose zoomate aquilane, per il progetto A SCUOLA DI E PER LA COMUNITÀ di Ai.Bi. Amici dei Bambini realizzato in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione. Discutiamo, sogniamo, co progettiamo il loro protagonismo e sulle potenzialità della radio come strumento per far sentire la propria voce. 

    Spunta, un giorno FZSRDCHMKHT21*@# (Nome di fantasia)  dell’Istituto IIS D’Aosta:

    Propone un titolo per una puntata radiofonica che stiamo pensando di realizzare con radio L’Aquila 1: salva tuo figlio! 

     FZSRDCHMKHT21*@#  e i suoi colleghi si stanno preparando per parlare alla così detta “comunità educante ” aquilana. 

    Lo faranno attraverso i temi dell’agenda 2030 calati sul territorio. 

    Lamentano che mancano spazi, linguaggi, luoghi e tempi dedicati ai giovani. 

    Infanzia, adolescenza e gioventù sono tra le fasce più colpite dalla crisi in atto. Ma sono, forse, anche le più predisposte al cambiamento che il tempo impone. 

     La DAD – Didattica a Distanza e la DDI – Didattica Digitale Integrata hanno già avuto dei predecessori illustri nel ‘900, con il processo di scolarizzazione che ha trasformato il nostro paese attraverso i programmi che andavano in onda in Rai. 

    Voglio immaginare  il nostro paese fra 409 anni: 409 perché amo le cifre spigolose, al limite del tondo. La scuola si farà normalmente dentro i musei, nei negozi, in campagna, al parco come in aree di risulta e anche in chiesa, in sinagoga e in moschea. A casa tutti frequenteranno lezioni interattive, la family sarà naturalmente predisposta all’apprendimento permanente. La scuola …. saranno spazi multi funzionali, cross mediali, accessibili sani e sicuri. La scuola si farà anche alla proloco, come al caffè.  Tra i  Prof curricolari ci saranno anche architetti della comunicazione, paesologi, esperti di economia domestica, economisti, atleti, anche per i bimbi all’asilo. Saranno professionisti compassionevoli,  capaci di spaziare e guardare nei cassetti della mente umana, fornendo a ognuno lo strumento giusto per il proprio approccio all’apprendimento. Senza lasciare nessuno indietro. Divertendosi loro stessi nel praticare la loro professione. 

     …I ragazzi saranno un po’ meno di oggi, i vecchietti e le vecchiette  di più, sul nostro pianeta farà più caldo…?

    Ma prima di allora è ORA. E ora 

    La Convenzione ONU dell’89 sui diritti del fanciullo quest’anno compie trent’anni dalla sua ratifica in Italia. 

    Ora… certe responsabilità, se sono sogni, possiamo affidarli alla Befana o a Babbo Natale appena passati… 

    Con il Gruppo di Lavoro per la Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (gruppo CRC) anche in Ai.Bi lavoriamo attentamente,  per fotografare lo stato dell’arte e formulare raccomandazioni alle istituzioni. 

    Il Fondo di contrasto alla povertà educativa minorile istituito nel 2016 ha dato luce all’Impresa Sociale Con i Bambini, che vede una stretta collaborazione tra il Forum Nazionale del Terzo Settore, la Presidenza del Consiglio dei Ministri e le Fondazioni bancarie: 10 bandi, 400 progetti, 281milioni di euro investiti, 500mila bambini coinvolti ad oggi.

    Non basta. Per far fronte all’inverno demografico e alle tante povertà che ci attraversano, la Politica  di un Paese grande ha il compito di portare  a dignità strutturale e organica la strategia per l’infanzia, l’adolescenza, i giovani. 

    A mio avviso da questa pandemia non stiamo imparando nulla fino a che non sarà emanata una strategia urgente per e con i bambini le bambine, gli adolescenti,e i giovani.

    Ma a chi lo dico? Non posso trasferire le mie preoccupazioni a FZSRDCHMKHT21*@# che ho il compito di far crescere, amando le istituzioni.

    Scrivo queste righe un sabato qualunque di una qualunque crisi di Governo che qualunque sia l’esito – sarà nociva per gli italiani. 

    Urge una scuola di politica. 

    Letto 1196 volte Ultima modifica il 21 Gennaio 2021 - 09:24

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.