A un anno dall'inizio della pandemia di COVID-19, bambini e adolescenti di tutto il mondo hanno perso in media 74 giorni di istruzione ciascunopiù di un terzo dell’anno scolastico medio globale di 190 giorni. È quanto emerge dai dati diffusi oggi da Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro, in occasione dell’anniversario della pandemia di Covid 19. 

    A livello globale, si stima che 112 miliardi di giorni di istruzione[1] siano stati persi complessivamente e che siano stati i bambini più poveri del mondo a essere colpiti in modo sproporzionato. Una nuova analisi, condotta a livello internazionale dall'Organizzazione sui dati di 194 Paesi e diverse regioni, mostra che i minori in America Latina, nei Caraibi e nell'Asia meridionale hanno perso quasi il triplo dell'istruzione dei coetanei dell'Europa occidentale.

    “Quasi un anno dopo la dichiarazione ufficiale della pandemia globale, centinaia di milioni di bambini e adolescenti rimangono fuori dalla scuola. La più grande emergenza educativa della storia ha ampliato il divario tra i Paesi e all'interno dei Paesi stessi, come quello tra le famiglie più ricche e quelle più povere, tra i bambini che abitano nelle aree urbane e quelle rurali, tra i rifugiati o sfollati e le popolazioni ospitanti, tra i minori con disabilità e quelli senza. È necessario agire in modo strutturato e globale, per garantire che non siano i più piccoli a pagare il prezzo di questa pandemia", ha dichiarato Daniela Fatarella, Direttrice Generale di Save the Children Italia.

    L’analisi su alcuni capoluoghi evidenzia un’Italia a diverse velocità

    Anche in Italia Save the Children, ad un anno dal primo lockdown generale, ha analizzato i dati rispetto alla frequenza in presenza degli alunni delle scuole di ogni ordine e grado. Senza voler essere esaustiva, l’analisi ha preso in considerazione 8 capoluoghi di provincia. Con l’obiettivo non di fare una classifica di merito, ma fotografare la situazione ad oggi, anche in vista di nuovi possibili provvedimenti di chiusura delle scuole, a fronte dell’aggravarsi della situazione sanitaria.  Dall’analisi condotta emerge come gli studenti si siano trovati a frequentare i loro istituti scolastici anche per molto meno della metà dei giorni teoricamente previsti. Nel corrente anno scolastico, da settembre 2020 a fine febbraio 2021, i bambini delle scuole dell’infanzia a Bari, per esempio, hanno potuto frequentare di persona 48 giorni sui 107 previsti, contro i loro coetanei di Milano che sono stati in aula tutti i 112 giorni in calendario. Gli studenti delle scuole medie a Napoli sono andati a scuola 42 giorni su 97 mentre quelli di Roma sono stati in presenza per tutti i 108 giorni previsti. Per quanto riguarda le scuole superiori, i ragazzi e le ragazze di Reggio Calabria hanno potuto partecipare di persona alle lezioni in aula per 35,5 giorni contro i 97 del calendario, i loro coetanei di Firenze sono andati a scuola 75,1 giorni su 106.

    La tabella con i dati sui giorni di scuola in presenza rispetto a quelli previsti dal calendario per le città di Milano, Roma, Napoli, Bari, Reggio Calabria, Torino, Palermo e Firenze è disponibile al link: https://we.tl/t-XqnUhRVaHL .

    La pandemia che lo scorso anno ha costretto gli studenti a interrompere bruscamente la loro presenza a scuola tre mesi prima della conclusione dell’anno scolastico, ha duramente segnato anche nel 2020/21 la loro possibilità di frequentare le aule scolastiche.

    I dati evidenziano forti differenze fra le città, legate all’andamento del rischio di contagio così come alle differenti scelte amministrative. I numeri rilevati si riferiscono alle giornate scolastiche vissute in presenza, evidenziando quei territori dove gli studenti hanno fruito di periodi più lunghi di didattica a distanza, con le difficoltà che questo ha comportato in termini di accessibilità e per la perdita di opportunità relazionali dirette tra pari e con i docenti.

    “Sappiamo bene quanto le diseguaglianze territoriali abbiano condizionato in Italia, già prima della pandemia, la povertà educativa dei bambini, delle bambine e dei ragazzi – ha dichiarato Raffaela Milano, Direttrice dei Programmi Italia-Europa di Save the Children - a causa di gravi divari nella offerta di servizi per la prima infanzia, tempo pieno, mense, servizi educativi extrascolastici.  Ora anche il numero di giorni in cui le scuole, dall’infanzia alle superiori, hanno garantito l’apertura nel corso della seconda ondata Covid mostra una fotografia dell’Italia fortemente diseguale, e rivela come proprio alcune tra le regioni particolarmente colpite dalla dispersione scolastica già prima della pandemia siano quelle in cui si è assicurato il minor tempo scuola in presenza per i bambini e i ragazzi. Il rischio è dunque quello di un ulteriore ampliamento delle diseguaglianze educative”.

    “Questi dati non possono lasciare indifferenti. Anche alla luce dei nuovi sviluppi della pandemia – ha proseguito Raffaela Milano - occorre mettere la scuola concretamente al primo posto, facendo ogni possibile sforzo per assicurare la prevenzione e la tutela della salute per gli studenti ed il personale scolastico e mantenere le scuole aperte in sicurezza, ricorrendo alla didattica a distanza solo nei casi di acclarata impossibilità di proseguire le lezioni in aula. Allo stesso tempo, è necessario predisporre programmi e risorse che sin da subito e nel medio e lungo periodo – compreso il periodo estivo – consentano ai bambini e ai ragazzi dei contesti più deprivati che hanno subìto più a lungo periodo la lontananza dalla scuola e le maggiori difficoltà nella didattica a distanza di poter superare questo gap di apprendimento e di socialità. La scuola non può essere lasciata da sola di fronte a questa sfida, ed è essenziale il coinvolgimento di tutte le risorse civiche e associative dei territori, con lo sviluppo dei patti educativi di comunità. Nel momento in cui tutte le categorie del Paese denunciano, comprensibilmente, la perdita di fatturato economico del proprio settore, occorre prestare attenzione ad una perdita meno visibile nell’immediato, ma estremamente grave per il futuro di intere generazioni”.

    Un quadro confermato dal vissuto e dalle emozioni provate nell’anno trascorso dalle ragazze e ragazzi beneficiari del progetto Fuoriclasse di Save the Children per il contrasto della dispersione scolastica, raccolte in un significativo video diffuso oggi dall’Organizzazione.

    Diversi studi internazionali hanno rilevato la gravità della perdita di apprendimento causata dalla chiusura delle scuole e il rischio concreto, in assenza di interventi mirati, di una perdita secca di 0,6 anni di scuola e di un aumento fino al 25% della quota di bambini della scuola secondaria inferiore al di sotto del livello minimo competenze.   Le perdite sono maggiori tra gli studenti provenienti da famiglie meno istruite, a conferma delle preoccupazioni per l’iniquità dell’impatto della pandemia sui bambini e sulle famiglie. L’Ocse e la Banca Mondiale hanno stimato gli effetti economici di questa perdita di apprendimento, valutando che l'impatto economico condurrà a una contrazione del PIL dei Paesi in media dell'1,5% nel resto del secolo.

    E’ necessario poter disporre quanto prima anche in Italia di un quadro dettagliato e preciso relativo alla perdita di apprendimento, con un sistema di monitoraggio che consenta di rilevare le assenze prolungate, dalla didattica in presenza e a distanza, per avere dati certi sull’impatto educativo che l’emergenza in corso sta provocando nel Paese e agire tempestivamente per raggiungere gli studenti più in difficoltà, con un intervento precoce che preveda un piano individualizzato per il supporto e il recupero degli apprendimenti.

    L’analisi internazionale e i rischi connessi al mancato accesso all’educazione

    La chiusura delle scuole è iniziata nel febbraio 2020, l'11 marzo è stata dichiarata la pandemia, spingendo il 91% degli studenti del mondo ad abbandonare le aule nel mezzo dell’anno scolastico.

    A livello globale, la differenza nei giorni di istruzione persi dai bambini e ragazzi che vivono nelle diverse aree geografiche diventa drammaticamente chiara: in America Latina, nei Caraibi e in Asia meridionale, i minori hanno trascorso 110 giorni senza alcuna istruzione, in Medio Oriente 80 giorni, nell'Africa subsahariana 69, nell'Asia orientale e nel Pacifico 47, in Europa e nell'Asia centrale 45 giorni, in Europa occidentale 38.

    Oltre alla perdita di apprendimento, bambini e adolescenti che non vanno a scuola sono esposti a un rischio maggiore di lavoro minorile, matrimoni precoci e altre forme di abuso e hanno maggiori probabilità di essere intrappolati in un ciclo di povertà per le generazioni a venire. Si stima che la pandemia globale spingerà altri 2,5 milioni di ragazze al matrimonio precoce entro il 2025.

    Ci sono state enormi discrepanze nell'accesso all'apprendimento anche nelle nazioni più ricche durante la pandemia. Gli studenti negli Stati Uniti, ad esempio, sono più disconnessi da Internet rispetto agli studenti di altri Paesi ad alto reddito, il che probabilmente ha influito sul loro accesso all'apprendimento remoto. Solo due Paesi dell'UE hanno livelli di accesso a Internet inferiori rispetto agli Stati Uniti: Bulgaria e Romania. All'inizio della pandemia, oltre 15 milioni di studenti, dall'asilo alle superiori delle scuole pubbliche statunitensi, non avevano Internet adeguato per l'apprendimento a distanza a casa. Anche altri Paesi più ricchi hanno lottato per fornire uguali alternative online per l'apprendimento scolastico. In Norvegia, mentre quasi tutti i giovani tra i 9 ei 18 anni hanno accesso a uno smartphone, il 30 per cento non ha accesso a un PC a casa. Nei Paesi Bassi, un bambino su cinque non ha un PC o un tablet per l'apprendimento da remoto.

    “È necessario che a livello globale i governi e i donatori agiscano immediatamente per prevenire un impatto irreversibile sulla vita di milioni di bambini che potrebbero non tornare più a scuola. È necessario garantire che tutti i minori non solo possano tornare a scuola in modo sicuro e inclusivo, ma anche che siano riconosciute loro tutte le risorse necessarie per sostenerli nel rientro a scuola, sia per un recupero degli apprendimenti sia per consentire loro la ripresa della socialità che è fondamentale per la loro età. Con l'introduzione dei vaccini, c'è la speranza che si possa vincere la battaglia contro il virus, se tutti i paesi potranno accedervi. Ma perderemo la guerra contro la pandemia se non garantiremo che i bambini e gli adolescenti abbiano un’educazione, accesso ai servizi sanitari, ad una alimentazione adeguata e siano protetti.” conclude Daniela Fatarella.

    La risposta di Save the Children alla pandemia

    In risposta all'epidemia di COVID-19 e all'impatto sull'istruzione, Save the Children fornisce materiali per l'apprendimento a distanza, come libri e kit per l'apprendimento a casa, lavorando a stretto contatto con i governi e gli insegnanti per fornire lezioni e supporto tramite radio, televisione, telefono, social media e app di messaggistica. L’Organizzazione si sta pure assicurando che bambini e adolescenti siano al sicuro a casa e non perdano i pasti o i kit per l'igiene mestruale che normalmente ricevono a scuola. Inoltre, fornisce una guida ai genitori e ad altri operatori sanitari per garantire che abbiano le giuste informazioni su come sostenere l'apprendimento e il benessere dei propri figli a casa.

    Save the Children sta anche collaborando con le autorità educative per aiutare a pianificare il ritorno sicuro a scuola, lavorando con e per conto dei bambini per garantire che i responsabili delle decisioni siano consapevoli delle loro preoccupazioni.

    In Italia, sin dall’inizio della crisi Save the Children ha rimodulato e potenziato le attività sul territorio per rimanere al fianco di bambine, bambini e adolescenti e delle loro famiglie, intercettando e rispondendo, in rete con associazioni partner territoriali, a vecchi e nuovi bisogni emersi nel corso della pandemia, con interventi di sostegno materiale alle famiglie, distribuzione di tablet e connessioni, sostegno alle scuole e sostegno educativo e psicosociale per bambine, bambini e adolescenti. Nei primi sei mesi dall’avvio del programma (giugno-dicembre 2020) sono state raggiunte e sostenute oltre 66 mila persone, tra bambini, bambine, famiglie e docenti in tutta Italia. Dall’inizio dell’emergenza ad oggi, tramite le due iniziative “Non da Soli” e “Riscriviamo il Futuro” sono stati raggiunti oltre 141 mila bambini, bambine, famiglie e docenti.

    Le voci dei bambini e degli adolescenti

    Santiago, 13 anni, frequenta una scuola per minori con ipoacusie profonde sostenuta da Save the Children in Venezuela. La scuola è chiusa dall'inizio della pandemia. Ha detto: “Ciò che mi fa sentire triste, preoccupato e spaventato è il non poter tornare tra i banchi, perché mi piace la scuola. La gente mi capisce lì. Quando non posso andare in aula, piango e voglio solo dormire. Quello che vorrei dire ai bambini nel mondo che si sentono tristi, spaventati o preoccupati è che sono miei amici. E che non sono soli".

    Jonathan *, 15 anni, è un attivista per i diritti dei bambini di Save the Children in un campo profughi in Uganda, come molti minori ha perso la scuola nell'ultimo anno. È preoccupato per i suoi amici che, con la chiusura, hanno abbandonato definitivamente la scuola e che ha visto finire a lavorare e, nel caso delle ragazze, incinte o costrette a matrimoni precoci. Ha detto: “Mi sento male quando gli altri bambini non vanno a scuola. Perché senza istruzione nessuno può avere successo. Se non si va a scuola, tutto sarà difficile, si rimarrà per sempre analfabeti".

     

    Platone aveva pensato di affidare il governo ai filosofi: in questa repubblica non c’era spazio per i poeti, astratti cantori privi di virtù che, con un termine moderno, potremmo definire civiche.

    Varie sono state le città ideali: da Campanella a Tommaso Moro ai falansteri ottocenteschi.

    Ogni volta che si tenta di dare un ordinamento totalizzante alla società uscendo fuori dalla teoria si arriva a dei disastri: le società direttamente affiliate ad un pensiero filosofico, religioso o ideologico sono stati sempre dei fallimenti.  Si va dalla cupa atmosfera della Firenze Savonaroliana all’orrore della Cambogia dei Khmer, dove anche i matrimoni erano affidati alle scelte del partito e dove il crimine, basato sulla necessità di sradicare il vecchio mondo, ha dominato sovrano.

    Magari se oggi avessimo il filosofo Agamben a capo del governo rifiuteremmo la scienza e i vaccini: molto meglio politici che, pur tra mille contraddizioni, sono costretti ad ascoltare scienziati e virologi.

    Passiamo ai poeti di cui parla Arminio: io non credo affatto che essi possano essere dei legislatori speciali, che abbiano un’intelligenza politica e sociale superiore a quella degli altri uomini. Facciamo qualche esempio contemporaneo: D’Annunzio credeva al superomismo che ha favorito con la sua azione un regime totalitario che Mussolini ha saputo poi costruire. L’antisemitismo di Ezra Pound era più vicino alla filosofia nazista che a quella fascista: alla grandezza del poeta corrispondeva la sua assoluta follia politica che rintracciava negli ebrei la causa di ogni male del mondo e identificava la parola “ebreo” con quella di “usuraio”.

    A sinistra Pablo Neruda e Nazim Hikmet furono stalinisti così come i surrealisti francesi guardavano con simpatia, da un punto di vista stalinista o trotskista, l’Unione Sovietica delle purghe e dei campi di concentramento. Bertolt Brecht combatté tenacemente contro il nazismo, ma scelse di andare ad abitare nella Berlino comunista dove lo spionaggio poliziesco raggiunse il culmine.

    Non c’è necessità di mettere un poeta nel governo, ma di avere governanti consapevoli, preparati e nello stesso tempo eticamente affidabili.

    In una società come la nostra dove la poesia ha assunto un ruolo assolutamente marginale, dove il più piccolo dei cantautori ha una visibilità assolutamente superiore a quella del più grande poeta, i poeti servono ad altro. Alle parole effimere che scorrono negli schermi televisivi e sui social, la poesia contrappone lo scandaglio che tenta di comprendere le ragioni del nostro essere e del nostro percepire.

    I grandi temi archetipici come l’amore, la morte, il tempo, la contemplazione della natura sono tematiche fondamentali della poesia anche se quest’ultima può benissimo affrontare problematiche sociali e storiche. La poesia è il luogo della parola che permane, che interroga, che si deposita nel nostro io più profondo: essa assume un valore antropologico più che sociologico.

    Non si tratta di mettere un poeta nel governo ma di fare in modo che le nostre librerie non siano riempite solo di gialli, horror e fantasy: che una rubrica culturale del Tg1 dell’una e trenta domenicale, “Billy”, si accorga che esiste anche la poesia. Il mondo può andare avanti anche senza la poesia, ma senza la poesia è molto più povero. La poesia trascende le figure dei poeti spesso narcisisti, egotici, inconcludenti e confusi: ma quando leggiamo i loro testi andiamo ben oltre la loro piccola autobiografia e ci misuriamo con le domande e le questioni del nostro essere nel mondo.

    di Umberto Piersanti

    È passato un anno dal primo lockdown e dall’inizio della crisi sanitaria, che ha colpito la nostra salute, le nostre abitudini, il modo di stare con gli altri e di vivere insieme. Anche le celebrazioni, come quelle della Giornata dei Giusti dell’umanità, sono cambiate radicalmente. I Giardini non possono più ospitare studenti e cittadini come in passato, lo spazio reale si è trasferito nel virtuale, ma nonostante questo la Giornata continua ad essere una data importante per riflettere sui valori dei Giusti e sulle tematiche del tempo presente.

    La crisi sanitaria ha posto ognuno di noi di fronte a scelte che possono cambiare le sorti dell’intero pianeta: il destino individuale è infatti legato, oggi più che mai, a quello dell’umanità. Possiamo essere artefici di un nuovo inizio che avrà ripercussioni nella vita di tutti. Il ruolo della responsabilità globale è sempre più centrale. Ne abbiamo parlato riguardo ai cambiamenti climatici e al ruolo degli scienziati, come l’americano Wallace Broecker, rimasti purtroppo inascoltati per decenni, e lo facciamo oggi con ancora più convinzione. Le sfide del presente, anche nell’emergenza sanitaria, ci dimostrano che siamo tutti parte di una sola umanità, e che solo insieme possiamo superare le crisi.

    Fin dall’inizio della pandemia è risultato evidente come il virus abbia abbia anche esacerbato crisi e situazioni già drammatiche e delicate.
    Lo abbiamo visto nei campi profughi, tra i dannati della Terra, nell’aumento delle diseguaglianze sociali anche fra i Paesi più sviluppati, nella ricaduta della crisi sulla questione di genere, nei nuovi autoritarismi e totalitarismi, nell'indebolimento delle democrazie, nella limitazione di diritti e libertà. Allo stesso tempo, il Coronavirus ci ha fatto riflettere sull’importanza della conoscenza e sul diritto alla stessa, in un legame imprescindibile tra democrazia e informazione.
    Fin dall’inizio, ci siamo detti che il "mondo dopo il Coronavirus” non sarebbe stato lo stesso. Lo status quo precedente non è più sostenibile: non lo sono i modelli economici, che hanno causato gran parte del danno ambientale e delle diseguaglianze sociali che oggi mettono a rischio il pianeta, né le politiche nazionalistiche, che in molti Paesi hanno dimostrato di essere totalmente inadatte ad affrontare sfide universali.

    La democrazia che le generazioni precedenti ci hanno "regalato", non possiamo darla per scontata, dobbiamo invece essere coscienti che diritti e libertà sono in pericolo e sta ad ognuno di noi il compito di proteggerli. Questo è ancor più necessario in una situazione di pandemia mondiale che rischia di indebolire le istituzioni sociali e favorire comportamenti autoritari e conflitti tra gli Stati. I Giusti, in questo senso, insegnano che nulla è predestinato, ma che le scelte individuali possono cambiare la direzione della Storia. Perché l’umanità possa scegliere nel modo migliore, ci vogliono dei grandi esempi che ci indichino la strada da percorrere.

    Ci sono storie che, seppure del passato, sono emblematiche delle ferite già aperte e delle contraddizioni che l’arrivo del Covid ha aggravato e portato all’attenzione globale. Sono storie di difensori della vita, dei diritti e delle libertà, sanciti anche grazie alla democrazia, che da questo momento storico potrà uscire rafforzata o irrimediabilmente danneggiata. Ecco perché, in linea con queste considerazioni, il tema di questa Giornata dei Giusti 2021 scelto dall'Associazione per il Giardino dei Giusti di Milano sarà “Per una nuova Umanità. L’esempio dei Giusti nel mondo segnato dal Covid”.

    "Forse mai come in questi tempi i temi della difesa della democrazia e della prevenzione dei genocidi e di nuove atrocità di massa sono intrecciati tra di loro. Per questo, dopo aver formulato tre proposte concrete alla Commissione Esteri della Camera dei deputati, vogliamo fare di questa Giornata dei Giusti un momento di educazione alla responsabilità democratica del cittadino, valorizzando gli esempi migliori del nostro tempo che possiamo prendere come riferimento da diverse parti del mondo", ha dichiarato Gabriele Nissim, presidente di Gariwo.

    Al Giardino di Milano poseremo quindi nuove targhe per Dag Hammarskjöld, il Segretario generale delle Nazioni Unite Premio Nobel per la pace che perse la vita nel corso di una missione per risolvere la crisi congolese e che fece della difesa di democrazia e pace il suo scopo come uomo e come politico; Carlo Urbani, il medico italiano, da tempo impegnato in una battaglia per la diffusione dei medicinali essenziali, che per primo identificò e classificò la SARS, comunicò al governo e all’OMS la gravità della situazione riuscendo a convincerli ad adottare misure di quarantena e salvando migliaia di vite a costo della propria; Liu Xiaobo e Liu Xia, il Premio nobel per la pace cinese e la sua compagna che si sono spesi per l'instaurazione di un'autentica democrazia in Cina e in favore del diritto ad esprimere il proprio pensiero, rinunciando per questo alla libertà; Ruth Bader Ginsburg, la giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti, seconda donna nella storia americana a ricoprire quella carica e la prima esponente femminile della comunità ebraica a far parte della Corte, che è stata una tenace sostenitrice della parità uomo-donna e ha dato un grande contributo all'affermazione dei diritti delle donne negli USA.

    5 marzo 2021, ore 9.30
    Giardino dei Giusti di tutto il mondo, Monte Stella - Milano
    Onorati cinque nuovi Giusti

    In ottemperanza alle norme anti-Covid, la cerimonia sarà esclusivamente in diretta streaming su YouTube e vedrà la partecipazione dei rappresentanti dell’Associazione per il Giardino dei Giusti di Milano e dei nuovi Giusti onorati

    Il 5 marzo si terrà a Roma il convegno “INTELLIGENZA ARTIFICIALE, ROBOTICA E MACCHINE INTELLIGENTI: RICADUTE ETICHE E SOCIALI” L’Intelligenza Artificiale è una delle tecnologie che sta trasformando la nostra società e molti aspetti della nostra vita quotidiana. Ha già prodotto molti effetti benefici e può essere sorgente di considerevole prosperità economica. Tuttavia, pone problemi riguardanti, in varia misura, l’occupazione, la riservatezza dei dati, la “privacy”, la violazione di valori etici e la fiducia nei risultati. Problematiche simili, con riferimento a problemi occupazionali, di sicurezza e di possibile violazione di valori etici, si pongono anche per quanto riguarda le trasformazioni che avvengono nella società a seguito dello sviluppo, intimamente connesso a quello dell’AI, dei metodi della robotica e dell’automazione della produzione industriale.

    Di seguito il programma dell’evento:

    9.00 Saluto della Presidenza dell’Accademia dei Lincei

    9.15 Sergio CARRÀ (Linceo, Politecnico di Milano): Apertura dei lavori - Chi ha paura di Ada Lovelace Byron

    9.45 Antonio BICCHI (Istituto Italiano di Tecnologia e Università di Pisa): Verso la persona aumentata: tecnologia ed etica delle sinergie bioniche

    10.25 Luigia CARLUCCI (Sapienza Università di Roma): Verso un’intelligenza artificiale affidabile e utile 11.05 Maurizio CORBETTA (Università di Padova): Il ruolo dell’attività spontanea nell’architettura funzionale del cervello e nella cognizione

    11.45 Riccardo ZECCHINA (Università Bocconi, Milano): I problemi aperti e le potenzialità dell'apprendimento automatico

    12.25 Tommaso DORIGO (INFN, Padova): L'intelligenza artificiale per la ricerca in fisica fondamentale: presente e futuro 13.05 Discussione

    14.30 Paolo ROCCO (Politecnico di Milano): Collaborazione intelligente tra uomo e robot nella fabbrica del futuro

    15.10 Francesca ROSSI (IBM, Usa): Pensiero lento, veloce, ed etico in intelligenza artificiale

    15.50 Massimo MORBIDELLI (Linceo, ETH - Politecnico di Milano): Machine learning nelle biotecnologie: produzione di proteine terapeutiche

    16.30 Rita CUCCHIARA (Università di Modena e Reggio Emilia): Deep learning nella visione e nel linguaggio 17.10 Giuseppe MASCHIO (Università di Padova): “Early warning detection systems” per l’analisi della diffusione virale

    17.50 Discussione e conclusione dei lavori

    I lavori si svolgeranno in videoconferenza ZOOM e potranno essere seguiti dal pubblico in streaming. Il link sarà disponibile sul sito dei Lincei la mattina del convegno. Quanti, durante i lavori, intendano intervenire alla discussione potranno inviare le domande con una email alla Segreteria del convegno, che le trasmetterà ai relatori.

     

    'MABASTA', Movimento AntiBullismo Animato da STudenti Adolescenti, e' tra le realta' vincitrici del fondo Youth-Led che ActionAid ha lanciato a dicembre 2020 per sostenere iniziative di risposta all'emergenza Covid-19 guidate da giovani. Sono stati selezionati 15 progetti, tra cui '1000 a 0 - sport vince bullismo perde', grazie al quale i ragazzi e le ragazze di MABASTA porteranno il loro modello di contrasto al bullismo in tre scuole della provincia di Lecce. In linea con il progetto '1000 a 0 - sport vince bullismo perde', i ragazzi di MABASTA hanno deciso di dare vita alla prima 'Giornata nazionale sport vs bullismo', un giorno in cui tutto il mondo dello sport si unisce come fosse un'unica grande squadra per far sentire la propria voce nell'affermare che lo sport si schiera sempre e comunque contro ogni forma di bullismo e cyberbullismo fra giovani.

    La 'Giornata Nazionale sport vs bullismo' viene celebrata oggi e, data la particolare situazione esistente, si realizza totalmente online, sui social network e sul web. Campioni, giocatori, sportivi, federazioni, squadre, ma anche semplici cittadini, giovani e non, possono pubblicare post, immagini e video col chiaro intento di far passare il messaggio che Sport batte Bullismo 1000 a 0.

    I ragazzi di MABASTA, capitanati dal team leader Mirko Cazzato, hanno realizzato e pubblicato un'apposita pagina sul web dedicata alla giornata ( www.1000a0.org/sport_vs_bullismo) nella quale sono riportati i tanti compagni di squadra, come il Comitato Italiano Paralimpico, Sport e Salute (Coni), 30 Federazioni nazionali, la Lega Calcio Serie B, la Lega Volley Serie A e tante squadre e team.

    "Siamo elettrizzati- commenta Mirko- il modo in cui il grande mondo dello sport italiano ha dimostrato vicinanza e collaborazione al nostro progetto ci ha letteralmente scioccati e, allo stesso tempo, caricati con un'energia incredibile. Vedere tanti Presidenti di Comitati e Federazioni Nazionali che scrivono, si complimentano e dichiarano sostegno a dei 'ragazzini' come noi, ci fanno pensare che c'e' davvero del buono nel mondo e che anche per noi giovani c'e' la speranza di essere ascoltati e di contribuire, nel nostro piccolo, a creare cambiamento e innovazione. Ci stiamo augurando che siano in tanti ad aderire alla Giornata, anche semplici ragazze e ragazzi come noi che fanno sentire la loro voce e vicinanza al tema".

    "Iniziative come queste sono fondamentali per far si' che le scuole siano sicure, eque e inclusive- commenta Corinne Reier, Community Engagement Officer di ActionAid- e si inseriscono appieno nella visione e nell'approccio di ActionAid. I nostri progetti e le nostre iniziative supportano in particolare la voce dei e delle giovani, le iniziative direttamente ideate e coordinate da loro, per costruire delle alternative dal basso a bisogni che non trovano soluzioni o responsabilita' anche del mondo adulto. Il tema del contrasto alle discriminazioni e alle violenze a scuola e' oggetto del nostro progetto Youth for Love, cosi' abbiamo costruito con MABASTA una sinergia che speriamo sia duratura ed efficace".

    Il prossimo appuntamento condiviso tra ActionAid e MABASTA sara' l'evento finale del progetto Youth for Love, che si terra' in parte in modalita' on-line e in parte off-line, il 9 e 10 marzo prossimi. Anche ActionAid e' infatti impegnata in prima linea per prevenire e contrastare violenze e discriminazioni a scuola, grazie al progetto Youth for Love, co-finanziato dal programma REC dell'Unione Europea che ha sviluppato un intenso programma educativo nelle scuole superiori di quattro Paesi europei (Italia, Grecia, Belgio e Romania).

    Inoltre, uno degli strumenti efficaci per raggiungere migliaia di giovani in Italia, anche in periodo di pandemia, e' stato il webgame di progetto.

    Nell'ambito di Youth for Love e' stata infine realizzata un'indagine che ha coinvolto circa 150 ragazze e ragazzi di 3 scuole superiori di Milano dai 14 ai 19 anni con l'obiettivo di mappare bisogni e risorse ma anche conoscenze e attitudini dei e delle giovani riguardo alla violenza di genere. L'indagine ha mostrato chiaramente che bullismo e cyberbullismo sono le due forme di violenza comuni a tutte le scuole e che atti di violenza fisica e psicologica vengono compiuti a causa di caratteristiche fisiche (73,3% dei e delle rispondenti), orientamento sessuale (67,1%) e sesso (57,1%). Gli atti di violenza che si verificano piu' spesso sono dare nomignoli, insultare e spettegolare e mettere in giro voci su qualcuno, mentre tra i primi tre comportamenti identificati come violenza troviamo picchiare qualcuno, fotografare o riprendere qualcuno durante il rapporto sessuale e diffondere le immagini e insultare. La violenza avviene sia dentro (in particolare corridoi/cortile, bagni della scuola e le classi) che fuori dalla scuola (parchi, piazze e in generale nei luoghi dove i/le giovani si incontrano).

    Particolarmente significativo anche il fatto che ben il 55% dei ragazzi e delle ragazze non sa a chi rivolgersi (persone o servizi di supporto) in caso di violenza all'interno della scuola (61,2% nel caso in cui si tratti di persone o servizi esterni).

     

    (Red/Dire)

     

    Ogni settimana, per un mese, sui social del ministero dell'Istruzione scuole, studenti e docenti racconteranno il cammino verso il Dantedi', la Giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri, prevista per il prossimo 25 marzo.

    L'inizio e' stato con 'La GraphiCommedia', la rappresentazione di alcuni canti dell'Inferno realizzata da una classe dell'Istituto Tecnico 'G. Falcone' di Gallarate (VA). Si proseguira', poi, con D.A.8, 'Dante Alighieri 8', il droide che interpreta i versi del sommo poeta, creato, grazie al coding e alla robotica, dalle studentesse e dagli studenti dell'Istituto Tecnico 'G. Russo' di Paterno', in provincia di Catania.

    Sara' possibile partecipare al racconto, postando il proprio contributo con l'hashtag #Dantedi' e taggando il profilo Instagram del ministero dell'Istruzione, @ministeroistruzione fino al 25 marzo, Giornata nazionale dedicata a Dante.

    Nessuna risposta dalla Regione Piemonte alle associazioni di volontariato che si occupano di anziani: Auser, Ada e Anteas che con oltre 1500 volontari sono pronti a scendere in campo a sostegno degli anziani per la campagna vaccinale anti Covid.  Hanno anche scritto una  lettera  agli assessorati regionali guidati da Luigi Genesio Icardi (Sanità) e Chiara Caucino (welfare) per dare la propria disponibilità a scendere in campo. Ma - dopo quasi un mese - il messaggio è rimasto senza risposta.
    Le tre sigle forti di 1500 volontari sono certe di poter giocare un ruolo importante in questa fase cruciale della campagna di vaccinazione per i soggetti più fragili. Insieme ai 192 automezzi che compongono la flotta per il trasporto delle persone e le 130 sedi distribuite sul territorio, provincia per provincia. Alle famiglie che ne hanno bisogno, i volontari garantiscono la spesa a domicilio, la consegna dei farmaci e molto altro ancora. Solo a gennaio, sono state 1400 le famiglie raggiunte da questi aiuti.
     
    Siamo da subito nelle condizioni, pronti ed attrezzati per dare un deciso contributo per la campagna di vaccinazione che coinvolge, in particolare, la popolazione anziana e non autosufficiente, seguendo gli step che i servizi sanitari programmeranno - scrivono i presidenti delle associazioni Elio LodiFrancesca Boschetto e Antonio Gaetani - e siamo disponibili nel mettere a disposizione nella campagna i nostri volontari, il parco mezzi e auto per gli accompagnamenti, il supporto alla mobilità per la vaccinazione, le nostre strutture ove presenti nella regione, come sedi per ‘accogliere’ medici e personale sanitario per la somministrazione dei vaccini”.
    In questo modo - concludono le tre sigle - condividiamo le preoccupazioni, ma anche la nostra voglia di dare un concreto contributo sociale con le organizzazioni dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl, Uilp Uil in una situazione nella quale chi si occupa di volontariato ed azioni di prossimità deve mettersi in gioco e fare la propria parte”.

    Nelle 5 fasce delle linee guida del Piano Recovery è necessario  lavorare trasversalmente per impostare politiche attive di gender mainstreaming per  gestire la fase della ripresa non solo attraverso il piano straordinario di investimenti ma anche mediante opportune scelte di regolazione del lavoro e dell’impresa. La necessità di transitare da forme indifferenziate di protezione delle produzioni a meccanismi selettivi in favore di quelle che hanno i fondamentali idonei a consentirne la sopravvivenza e la crescita è indispensabile per l’occupazione femminile contrastando le sirene dei sostenitori dell’assistenzialismo senza limiti. https://servedby.publy.net/lg.php?bannerid=0&campaignid=0&zoneid=24007&loc=https%3A%2F%2Fformiche.net%2F2021%2F02%2Flavoro-imprese-e-welfare-sfide-draghi-sacconi%2F&referer=https%3A%2F%2Fwww.google.com%2F&cb=4019386380Sviluppando   anche progetti di economia circolare e sussidiaria in un sistema integrativo dei servizi.

    L’obiettivo  anche se in un secondo tempo è la riforma degli ammortizzatori sociali, che la complessità della realtà si è sempre incaricata di mettere in discussione, ma  subito  bisogna far funzionare l’accompagnamento al lavoro di disoccupati/e  e inoccupati/e attraverso i servizi di riqualificazione professionale liberamente scelti dal beneficiario/a e remunerati a risultato. Così come la auspicabile volontà di rinnovamento dei metodi e contenuti pedagogici dell’istruzione pubblica necessaria per superare ogni valutazione da parte di molti docenti che usano il principio della libertà educativa per coprire l’autoreferenzialità corporativa.E soprattutto per riordinare gli orientamenti degli studi STEM sia per i giovani e per le giovani donne che comportano anche un aggiornamento degli stessi docenti.

    Il nodo della produttività  è indispensabile per sbloccare  un vecchio modello contrattuale che si esaurisce nella dimensione nazionale per definizione egualitaria e indipendente dai parametri misurabili solo in azienda e, al più, nei diversi territori. La visione coraggiosamente sussidiaria del vecchio contratto dei metalmeccanici, in sede di rinnovo, si è dovuta arrendere al ritorno dell’aumento centralizzato per assenza di un contesto ad essa favorevole là dove la riproposizione di una incentivazione fiscale semplice e automatica per tutti gli incrementi salariali decisi dagli accordi di prossimità può sostenere il lavoro femminile. Così come l’estensione dei fondi bilaterali per colmare il deficit di congedi parentali usando la bilateralità come sussidiarietà tra lavoratrici e lavoratori posto che la questione congedi non è solo di genere femminile ma anche maschile.

    Necessario intervenire con politiche di sostegno alla disabilità sia nel lavoro che nella vita consapevoli che le donne con disabilità sono invisibili perché le  rare politiche di genere non influenzano la loro condizione e le politiche sulla disabilità non tengono conto del genere; non sono mai considerate in relazione alla femminilità , alla maternità , alla genitorialità ,  detengono il più alto tasso di non impiego e sono più spesso escluse dai sistemi educativi; sono normalmente dissuase dall’avere figli; a loro il più alto tasso di violenze ed abusi subiti.

    Sul versante previdenziale  esaurita “quota 100”,   si deve introdurre una flessibilità strutturale del sistema previdenziale per evitare lo “scalone” e corrispondere al ricambio generazionale che la crisi pandemica e la digitalizzazione hanno evidenziato. Servono   norme semplici e generalizzate   come accade in Europa soprattutto per le lavoratrici per recuperare il deficit contributivo mancato dalle pause del lavoro dovute alle pause per la cura dei  figli e degli anziani.

    Alessandra Servidori

    Lo scorso maggio, è stata avviata un’indagine di ricerca su scala nazionale (dal titolo “La vita degli  studenti universitari al tempo del Covid-19”) attraverso una survey online, al fine di far emergere la  condizione di vita degli studenti universitari durante la fase 1 dell’emergenza sanitaria. Hanno  risposto all’indagine oltre 16.000 studenti. In un’ottica partecipativa, andare a comprendere le  opinioni e le condizioni di vita degli studenti (soprattutto di quelli in situazioni di maggiore fragilità  e vulnerabilità, come gli studenti con disabilità e/o Dsa), ha permesso di fornire elementi utili per gli  sviluppi del sistema universitario.  

    La ricerca è stata condotta da 6 giovani ricercatori universitari: Giuseppe Monteduro dell’Università  degli studi del Molise, Sara Nanetti dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Davide  Ruggieri dell’Università di Bologna, Michele Bertani dell’Università di Verona, Livia Petti  dell’Università degli studi del Molise e Matteo Moscatelli dell’Università Cattolica del Sacro Cuore  di Milano all’interno di un progetto di ricerca del Prof. Fabio Ferrucci (Univrsità del Molise). 

    Dalla ricerca emerge la presenza di forti disugualianze (1 su 10 non ha un device o rete internet fissa,  quasi 2 su 10 non avevano uno spazio adeguato in termini abitativi), 1 su 3 si è sentito depresso  durante la fase del lockdown. Per alcuni studenti tornare in preseza è la via preferenziale (42%), per  altri (20%) meglio la didattica a distanza (perchp lavoratori, già genitori, distanti dalla sede  accademica). Per gli studenti disabili la didattica a distanza è una importante opportunità (color che  frequentano poco gli spazi accademici), per altri (frequentanti assidui) la didattica a distanza, se non  correttamente integrata con la vita comunitaria accademica, rappresenta un rischio che porta ad una  perdita del proprio circuito relazionale “tra pari”. 

    Le norme di contenimento del covid hanno quindi fatto emergere una popolazione studebtesca molto  frammentata che esprime richieste di risposta al diritto allo studio significativamente differenziate. In tal senso le politiche pubbliche per l’università devono tenere conto della frammentata condizione  studentesca e delle relative differenziate aspettative. 

    I dati sono stati raccolti in un volume dal titolo “Sotto Esame. La vita degli studenti universitari al  tempo del Covid-19”, curato da Giuseppe Monteduro ed edito per Erickson. 

    Auguri di buon compleanno al poeta e scrittore Umberto Piersanti, per i suoi 80 anni. Piersanti debutta con La breve stagione nel 1967 a 26 anni, nel 94 vince il Premio Nazionale Letterario Pisa e - dopo una serie di altri premi per la poesia - nel 2016 vince il premio Ponte di legno poesia; dirige la rivista di letteratura contemporanea e creatività Pelagos ed è editorialista di Angelipress. Candidato al Nobel per la Letteratura nel 2005, è considerato tra i più grandi poeti italiani contemporanei.

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.