Dai 22 istituti del 2014 ai 1175 di oggi, per condividere idee di innovazione didattica

    Firenze, 6 novembre 2020 – Il Movimento Avanguardie Educative di Indire festeggia sei anni di attività nelle scuole italiane. Nato il 6 novembre nel 2014 a Genova su iniziativa di Indire e di un primo gruppo di 22 scuole italiane, oggi il Movimento conta 1.175 istituti scolastici, di cui 322 al Nord276 al Centro e 577 al Sud.

    L’obiettivo principale di Avanguardie educative è di individuare, diffondere e portare a sistema pratiche e modelli educativi, già attivi o sperimentati, consentendo agli istituti scolastici che fanno parte della rete di intraprendere un percorso di trasformazione dell’organizzazione della didattica, del tempo e dello spazio del ‘fare scuola’.

    Le scuole che aderiscono al Movimento sperimentano una o più tra le 18 idee presenti nella “Galleria delle Idee per l’Innovazione”, un luogo dove sono raccolte esperienze verificate direttamente nelle scuole italiane e che sono oggetto di ricerca continua per Indire. L’innovazione si realizza attraverso pratiche e modelli educativi che provengono dagli istituti scolastici, trasferibili e sostenibili in altri contesti.

    «Avanguardie educative è una sfida lanciata nel 2014 dall’Istituto – dichiara Giovanni Biondi, Presidente di Indire – in un momento in cui era necessario ripensare il modello scolastico. Il Movimento nasce dall’iniziativa di Indire e di 22 istituti scolastici, tra i più innovativi in Italia, promotori di una spinta ‘dal basso’ per portare a sistema pratiche e modelli educativi per ripensare l’organizzazione della didattica, del tempo e dello spazio del ‘fare scuola’. In soli sei anni, sono 1175 le scuole che hanno aderito al “Manifesto”, avviando forme di collaborazione tra gli Istituti. La rete delle Avanguardie educative, in collaborazione con il Movimento Piccole Scuole ed eTwinning, ha fornito il suo contributo al Ministero dell’Istruzione durante l’emergenza sanitaria, avviando in poco tempo oltre 200 webinar formativi rivolti agli insegnanti e ai dirigenti scolastici per fornire soluzioni efficaci per la didattica a distanza e per gli aspetti organizzativi della scuola. Questa esperienza – conclude Biondi – ha permesso a oltre 45.000 docenti di formarsi e ad altri 85.000 di accedere alle registrazioni nelle settimane successive».

    Da un progetto di ricerca-azione nato nelle e con le scuole, Avanguardie educative si è trasformato nel tempo in un Movimento aperto a tutti gli istituti scolastici italiani. Dal 2016, è inserito tra le attività per il supporto ai processi di innovazione della scuola sostenute dai Fondi Strutturali Europei 2014-2020 ed è stato selezionato come buona pratica di “ecosystem” nella Conferenza internazionale annuale promossa da European Schoolnet. Sempre da European Schoolnet, in occasione del suo 20° anniversario, è stato pubblicato l’Open Book of Educational Innovation, un documento nel quale sono state raccolte le iniziative più significative a livello di stati membri a sostegno dei processi d’innovazione e di trasformazione dell’educazione e fra queste anche quella del Movimento «Avanguardie educative».

    La natura dinamica del Movimento, che richiede una costante rimodulazione delle azioni di supporto alle scuole che fanno parte della Rete, ha portato nel 2019 alla nomina di 27 scuole polo regionali (quest’anno sono 38) che costituiscono il punto di riferimento sui territori locali per la governance e la diffusione dell'innovazione. Nel 2020 le prime tre pubblicazioni sono dedicate ai risultati  della ricerca sulle Idee di Innovazione promosse dal Movimento: “Dialogo euristico”, “MLTV - Rendere visibile pensiero e apprendimento”, “Dentro e Fuori la Scuola - Service learning”, per l'editore Carocci.

    Le 18 idee che animano il Movimento sono: Dentro/Fuori la scuola - Service learningOltre le disciplineApprendimento autonomo e tutoringApprendimento differenziatoUso flessibile del tempoMLTV - Rendere visibili pensiero e apprendimentoDialogo euristicoDebate (argomentare e dibattere),  Didattica per scenariFlipped Classroom (la classe capovolta)Integrazione CDD / libri di testoSpaced Learning (apprendimento intervallato)TEAL (Tecnologie per l'apprendimento attivo)Aule Laboratorio DisciplinariBocciato Con CreditoDentro/Fuori la ScuolaICT LABSpazio Flessibile.

    La vita mette guanti e mascherina: La Cooperativa La Meridiana lancia una RACCOLTA FONDI STRAORDINARIA con l'obiettivo di raggiungere quota 200 mila euro che saranno destinati all'acquisto di Dispositivi Di Protezione individuale.

    “Siamo in situazione di emergenza sotto molti profili - spiega Roberto Mauri, direttore de La Meridiana - Abbiamo bisogno di incrementare sensibilmente i nostri DPI (Dispositivi di Protezione Individuale). Con la seconda ondata il consumo di mascherine, camici, cuffie, calzari ... è andato alle stelle. Quotidianamente utilizziamo 18.000 guanti e circa 400 Kit di cambio (mascherina FFP2, camice in TNT, cuffia, calzari ). Abbiamo bisogno di sentire la vicinanza della nostra comunità a sostegno di questa dura e difficile battaglia. Per questo motivo abbiamo lanciato un appello ai cittadini affinché aderiscano e partecipino, anche dalle “retrovie”, a questa difficile sfida.”

    Facing the Challenge dal  6 novembre la nuova serie Podcast  sulla moda sostenibile


    Dalla pandemia alla ricostruzione, un dialogo sul futuro che vogliamo per l’Italia.

     


    unnamed (7).jpg


    Un confronto sui processi di trasformazione delle città e dei suoi spazi - la diretta streaming sul sito del MAXXI oggi dalle 12:00 alle 13:30


    I tre soci dello studio torinese: “Intendiamo aiutare bar, ristoranti, pub, palestre, piscine, teatri e cinema, i veri santi di cui ci si deve ricordare quest’anno”

     

     


    Il Focus monografico del nuovo numero del magazine on line del Consiglio nazionale delle ricerche ricorda, con l’aiuto dei ricercatori dell’Ente, alcuni protagonisti del mondo scientifico ostacolati dai loro contemporanei o poco conosciuti dal grande pubblico, malgrado le loro scoperte e intuizioni geniali

    Il convegno, organizzato dalla Fondazione Gramsci, si terrà il 12 e il 14 Novembre 2020 dalle 9:30 alle 18:30


    “Mettere in strada i mezzi di trasporto pubblici e privati avrebbe scongiurato il rischio dei contagi provocato dall’effetto sardine in scatola, come è invece avvenuto. Il covid ha reso il re nudo: se la scuola non riparte non è per il covid o per mancanza di risorse finanziarie, ma per pura ideologia, nutrita di crassa ignoranza riguardo a ciò che veramente è utile all’essere umano”. Lo denuncia Anna Monia Alfieri, referente scuola Usmi, paladina delle paritarie, intervenendo con l’Adnkronos sulla misura di carattere nazionale contenuta nel nuovo Dpcm che il Governo si appresta a varare domani riguardo alla Dad al 100% alle superiori, illustrata dal premier Giuseppe Conte alla Camera.


    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.