26 Giugno 2018 - 11:15

    “Haraket: la mostra su vita e sfruttamento lavorativo siriano in Turchia”

    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    A Roma la mostra fotografica condizioni di vita e lo sfruttamento lavorativo dei siriani in Turchia

     

    L’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico ospiterà nella sua sede a Roma, in via Ostiense 106, fino al 12 luglio 2018, la mostra Haraket, di Valerio Muscella, un lavoro incentrato  sulle condizioni di vita e lo sfruttamento lavorativo dei siriani in Turchia.

    Curata da Laura Carnemolla, la mostra è stata prodotta con il supporto di Espronceda, Center for Art and Culture, nell’ambito dell’edizione 2017 di DocField, Festival de fotografía documental, Barcellona, Spagna ed è parte del circuito di FotoLeggendo 2018, festival di fotografia ideato e prodotto da Officine Fotografiche Roma sotto la direzione artistica di Emilio D’Itri.

    In lingua turca haraket significa movimento, inteso sia come spostamento fisico che libertà di pensiero.

    Dopo l’accordo sui migranti tra Bruxelles e Ankara del marzo 2016, si conta che circa 3milioni di persone siano bloccate in Turchia. La maggior parte di essi sono profughi in fuga dalla Siria e da un conflitto che dura ormai da più di 7 anni. Di questi, 960mila sono bambini in età scolare.

    Solo 524mila di loro sono stati iscritti all’anno scolastico 2016/17 a livello primario e secondario. Gli altri 400mila bambini rifugiati siriani che si trovano in Turchia non hanno frequentato la scuola. 

    Nel settembre 2014 il governo turco ha adottato un'importante politica che concede formalmente ai bambini siriani l'accesso alle scuole pubbliche, ma di fatto iscriversi a scuola continuare ad essere complicato. La più grande barriera è la lingua, poiché le scuole pubbliche turche non offrono supporto educativo ai non madrelingua, poi bisogna affrontare bullismo e mancata integrazione sociale.

    Negato il diritto allo studio, i bambini siriani diventano bersaglio facile della mafia del lavoro minorile. Lavorano da 8 a 12 ore al giorno, sei giorni alla settimana, per lo più nel settore tessile, spesso in edifici abbandonati senza servizi igienici, né norme di sicurezza. Guadagnano 15 euro al giorno, hanno un'età compresa tra gli otto e i sedici anni.

    In Turchia il lavoro minorile è il segreto di Pulcinella. Un rapporto delle Nazioni Unite nel 2015 specifica anche che in Turchia lavora il 5,9% dei bambini tra i 5 e i 14 anni, nonostante la legge vieti  il lavoro minorile fino ai 15 anni, 18 per lavori pericolosi.

    Nel dicembre 2015, la ONG Business and Human Rights Resources ha condotto un’inchiesta  su grandi marchi di abbigliamento che usano manifatture turche (tra gli altri Burberry, Adidas, Marks & Spencer) per sollevare la questione del lavoro minorile. Quattordici dei 28 marchi interpellati non hanno risposto, o inviato brevi dichiarazioni. H&M e Next hanno entrambi rivelato di aver identificato minori nei loro stabilimenti turchi.     

    Info: https://www.fotoleggendo.it/

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.