05 Dicembre 2020 - 05:52

    IHP, il calendario 2021 per dare una nuova casa ai cavalli sieropositivi

    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    Italian Horse Protection sceglie il contatto e il rispetto reciproco come fili conduttori dei 12 mesi che compongono il nuovo calendario, realizzato per l'associazione dal fotografo Francesco Caruso che in una carrellata di immagini legate dall'eleganza ha ritratto le modelle selezionate dall'agenzia Academy Model Management di Padova. Professionisti che si sono messi gratuitamente a disposizione di IHP per raccontare l'impegno quotidiano dell'associazione che si prende cura dei cavalli maltrattati e abusati. 


    “Quando si parla di cavalli e dell'impegno di IHP, i racconti e le immagini della dura cronaca fatta di soprusi, violenze e maltrattamenti si alternano continuamente ai momenti di pura poesia trasmessi da questi animali, così speciali e così spesso abusati – dice il presidente dell'associazione, Sonny Richichi -.  Il calendario reca con sé un messaggio che è anche un auspicio: che la purezza dei sentimenti vinca sulla brutalità”. 

    Un ringraziamento speciale va al fotografo Francesco Caruso, che racconta così l’ispirazione del progetto: “In questa serie di incontri, il fare lascia spazio all’essere. Persone e cavalli entrano in relazione e raccontano di un mondo possibile in cui si può vivere alla pari, senza subordinazione. È uno scambio: nel ricevere la nostra attenzione, i cavalli sanno come contraccambiare. Ci insegnano l’ascolto di noi stessi, l’autenticità, la fiducia, l’accettazione, l’equilibrio necessario tra forza e fragilità. Ci danno ciò che siamo pronti a ricevere e a comprendere.”

    Il ricavato delle vendite del calendario 2021 servirà a sostenere uno dei numerosi progetti dell'associazione: trovare un nuovo spazio dove ospitare i sette cavalli sieropositivi affidati alle cure di IHP che attualmente si trovano in un terreno nel comune di Montaione, in provincia di Firenze, che deve rientrare nella disponibilità del proprietario entro il prossimo mese di marzo. 

    “Sono tutti cavalli salvati da morte certa a partire dal 2007 – spiega Richichi -. In quell'anno il ministero della Salute impose controlli a tappeto in tutta Italia per verificare la presenza di cavalli positivi al virus dell’anemia infettiva equina, al fine di eradicarla. Il risultato fu una strage, perché la maggior parte dei proprietari, convinti a torto che la malattia potesse diffondersi con facilità e spinti dalla paura indotta dalle autorità sanitarie, fecero macellare il proprio cavallo positivo al test. Come se la Asl arrivasse a casa nostra e ci dicesse di uccidere il cane perché positivo al test della leishmaniosi”. 

    “IHP fu allora l'unica associazione in Italia e in Europa a trovare e allestire un terreno destinato ad accogliere in via esclusiva i cavalli risultati positivi al test dell'anemia infettiva, così da tenerli a debita distanza dagli animali negativi – prosegue il presidente dell'associazione -. Abbiamo salvato questi cavalli dal macello, dato loro una vita libera e felice, e dimostrato nei fatti quello che  i maggiori esperti dicono da molti anni: l’anemia infettiva equina non è contagiosa come si crede, non è pericolosa e  non ha senso prendere misure drastiche e del tutto sproporzionate rispetto all’entità del problema. Questi cavalli sono sempre stati sanissimi, non hanno mai mostrato sintomi della malattia ma siamo tuttora costretti a tenerli isolati, non essendo mai cambiata la normativa. Alcuni dei nostri cavalli sono arrivati perché i  proprietari si sono opposti all’abbattimento e hanno cercato aiuto, trovando noi. Adesso dobbiamo trovare una nuova casa per loro”. 

    Il calendario può essere ordinato direttamente sul sito dell'associazione, con una donazione minima di 10 euro che si può fare online, a questo link

    https://www.horseprotection.it/it/ihp-shop/29/2122/essere_-_calendario_2021 

    IHP è un'associazione indipendente che opera per la tutela dei cavalli e degli altri equidi, contrasta maltrattamenti e abusi, lavora per un cambiamento normativo e culturale che porti al riconoscimento dei loro diritti, anche attraverso la divulgazione scientifica.Inoltre si occupa del salvataggio di equidi posti sotto sequestro dalle Autorità per maltrattamento, che ospita presso il proprio Centro di recupero a Volterra (PI) riconosciuto con Decreto del Ministero della Salute del 23 dicembre 2009.IHP non riceve fondi pubblici per le attività istituzionali, né rimborsi dalle Procure per gli animali affidati in custodia giudiziaria.

     

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.