21 Ottobre 2010 - 16:18

    La pizza dei detenuti di Civitavecchia arriva in mensa

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    Pizza bianca a scuola e in ospedale

    Gli studenti e i pazienti dell�ospedale di Civitavecchia mangeranno le pizze bianche realizzate dai detenuti del Carcere di via Aurelia.

    Il laboratorio per la produzione, in quantit� commercializzabile, della pizza � stato inaugurato negli scorsi giorni, all�interno della Casa Circondariale di Civitavecchia, da Mons. Gino Reali, vescovo reggente della curia di Civitavecchia e Tarquinia, dal direttore dell�Istituto Silvana Sergi, dal vice presidente della Coop. � La Cascina� Angelo Chiorazzo e dal Garante dei diritti dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni.

    Nel laboratorio saranno impiegati a tempo pieno quattro detenuti, opportunamente formati, che produrranno la pizza bianca prevista nei men� delle scuole e delle strutture sanitarie cittadine.

    A Civitavecchia i corsi di formazione per pizzaioli svolti sono stati due: il primo, di 250 ore, � stato finanziato dalla Regione Lazio nell�ambito del programma Chance ed ha visto la partecipazione di quindici reclusi seguiti da un docente, un pizzaiolo e due tutor. Il secondo corso � stato finanziato dalla Provincia di Roma - che ha donato un forno elettrico - con i fondi risparmiati dalla mancata nomina del Garante provinciale dei detenuti, le cui funzioni sono state attribuite al Garante regionale. Infatti, in base ad un Protocollo d�intesa cui ha aderito anche il Comune di Roma, le risorse non usate per l�attivazione degli Uffici provinciali e comunali del Garante finalizzate in progetti utili a migliorare le condizioni di vita dei detenuti.
    Ultima modifica il 21 Ottobre 2010 - 16:18

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.