30 Novembre 2006 - 07:30

    Presentato oggi a Roma “Occhio per occhio” di Sandro Veronesi

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    Il libro si schiera contro la pena di morte

    Si intitola “Occhio per occhio” il libro scritto da Sandro Veronesi e presentato oggi a Roma alla presenza di Fulvio Abbate, Sergio D'Elia, Miriam Mafai, Maria Fida Moro e ovviamente dell'autore.

    L'opera, che conduce il lettore dentro quattro storie di vita forse ancor più incredibili della fiction, riguarda storie di grandi o piccoli delitti puniti, tre volte su quattro, con la pena capitale.

    Le vicende sono ambientate in Sudan (dei terroristi palestinesi compiono un attentato in un hotel frequentato da europei. Condannati a morte, vengono "salvati" dalla legge musulmana che prevede una somma compensatoria della violenza subita); Taiwan (tre ragazzi rapiscono il figlio di un facoltoso imprenditore. Pur avendo rilasciato l'ostaggio dopo il pagamento del riscatto, i tre, arrestati, vengono condannati a morte, con l'accusa di aver agito contro gli interessi della collettività per l'ingente riscatto. E così vengono giustiziati); Unione Sovietica (un uomo, fermato con un amico sul limitare del bosco in possesso di residuati bellici, viene accusato forse ingiustamente di associazione a delinquere contro la patria e condannato a morte. A un passo dall'esecuzione, il presidente Gorbaciov concede la grazia); California (un uomo viene condannato per l'uccisione di due adolescenti nel corso di una rapina. Dopo 14 anni di rinvii, dinieghi, manifestazioni popolari per la sua grazia, la condanna viene eseguita: camera a gas).

    Con questa edizione Bompiani ripropone un saggio del premio Strega Sandro Veronesi sulla pena di morte, uscito per Mondadori nel 1992, che rappresentò uno dei primi, fulgidi esempi di quel “reportage narrativo”, commistione di documentazione e racconto, allora non ancora tanto in voga tra gli scrittori italiani. Riproposto oggi, quattordici anni dopo, con la Chiesa cattolica che nel frattempo ha assunto una posizione più severa di condanna della pena capitale, ma con la situazione delle esecuzioni che rimane sostanzialmente la stessa, il libro rappresenta un viaggio dello scrittore in quattro tappe ancora tristemente attuale.

    Ultima modifica il 30 Novembre 2006 - 07:30

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.