Stampa questa pagina
26 Ottobre 2020 - 06:44

Roma, Milano e Torino tra le prime 25 città europee per costi derivanti dall’inquinamento

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Dallo studio pubblicato da CE Delft sul livello di inquinamento e i conseguenti costi sociali nelle metropoli europee si è riscontrato in Italia un livello critico nelle città di Roma, Milano, Torino, Brescia, Padova, Venezia. La qualità dell’aria in queste città è pessima, ciò è dovuto soprattutto alla grande mole di traffico su gomma. Lo studio ha preso in esame i dati raccolti nel 2018 e alla ricerca ha collaborato anche Legambiente che ha confrontato i costi relativi allo smog con il numero di auto in circolazione e lo sviluppo dei mezzi pubblici. L’inquinamento atmosferico in Italia contribuisce ad una maggiore spesa per i cittadini che si ritrovano anche a subire gli effetti derivanti dall’inquinamento: come la riduzione dell’aspettativa di vita e i maggiori ricoveri ospedalieri; queste cifre vanno a pesare mediamente 1.400€ sulle tasche di ciascun cittadino, equivalente a circa il 5% del PIL; mentre in Europa questo valore medio resta più basso (1.250 euro e il 3,9% del PIL).

Bucarest conquista la vetta di questa speciale classifica dei costi sociali, seguita da Milano, Torino al nono posto, mentre Roma si piazza al diciassettesimo. Per la Capitale il dato più allarmante confluisce sull’“altissimo tasso di motorizzazione di Roma, [quale]ha una ricaduta ambientale che vediamo davanti a noi tutti giorni, con strade, monumenti e spazi invasi dal traffico veicolare, causando un inquinamento atmosferico” ha detto Roberto Scacchi, presidente di Legambiente Lazio. Scacchi ha evidenziato inoltre le criticità con le quali la città si trova a convivere da sempre: su tutte l’insufficiente rete di trasporti pubblici su ferro (tram e metropolitane) comparata a quella delle altre capitali europee. “Ci vuole una poderosa cura del ferro ferma invece da venti anni, un rilancio in totale sicurezza del TPL, il sostegno a tutta la mobilità nuova, da quella ciclabile alla micromobilità elettrica; il tutto per abbattere il numero di veicoli circolanti a partire da un blocco
progressivo ma incessante dei Diesel che ora sembra essere completamente dimenticato”, conclude Scacchi. In vista delle elezioni che si terranno con probabilità nella primavera 2021, arriverà mai davvero una giunta comunale che metterà al centro della propria agenda una vera e propria rivoluzione ecologica che coinvolga tutti i rami della città?

https://cedelft.eu/en/publications/2534/health-costs-of-air-pollution-in-european-cities-and-the-linkage-with-transport

https://www.adnkronos.com/sostenibilita/tendenze/2020/10/21/costi-sociali-smog-roma-milano-torino-tra-prime-cittaeuropee_RVkpaqEnRb32cabnCpdaHI.html?refresh_ce

https://www.romatoday.it/politica/smog-roma-inquinamento-europa-legambiente.html

A cura di Simone Riga

AngeliPress

Ultimi da AngeliPress