15 Dicembre 2006 - 09:52

    Testamento biologico: a Genova si fa sul serio

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    Due medici hanno aiutato un paziente a scrivere “una dichiarazione anticipata di volontà”

    Con il caso-Welby che tiene banco e la discussione su testamento biologico ed eutanasia che cresce ogni giorno di più, c'è chi, all'ospedale San Martino di Genova, preferisce i fatti alle parole. Succede così che il Comitato dell'ospedale ha incaricato due medici di aiutare un paziente a scrivere “una dichiarazione anticipata di volontà” nella quale afferma che, se diventerà un vegetale, non vorrà essere curato. Ecco così che, stando alla Convenzione di Oviedo del 1977, nella quale si afferma che la dignità dell'uomo è superiore a qualunque altra pretesa, il paziente vedrà rispettata la propria volontà, proprio come in un testamento biologico.

    Ultima modifica il 15 Dicembre 2006 - 09:52

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.