Stampa questa pagina
20 Settembre 2020 - 06:30

Torna nelle sale il capolavoro di Lynch 'The Elephant Man'

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Quarantanni veniva presentato nelle sale di tutto il mondo il visionario capolavoro di un giovanissimo David Lynch, The Elephant Man. Dal 21 settembre torna nei cinema in versione restaurata

Lo StudioCanal, con la supervisione dello stesso Lynch ha restaurato la pellicola che verrà riproposta al cinema. Il film verrà ridistribuito dalla Cineteca di Bologna dopo che era stato mostrato in anteprima al festival de Il Cinema Ritrovato, andato in scena lo scorso agosto.

La storia narrata è quella di John Merrick (John Hurt), un uomo con numerose deformazioni in gran parte del corpo, soprattutto nel capo, per via della sua Sindrome di Proteo, tanto da valergli il soprannome di Uomo Elefante. Un giorno viene scoperto dal dottor Frederick Treves (Anthony Hopkins) mentre viene costretto ad esibirsi come fenomeno da baraccone in un circo ambulante, o freak show, della Londra vittoriana proto-industriale. Il buon dottore farà di tutto per aiutare John, tanto da far emergere col passare dei giorni il carattere sensibile, colto e sofisticato del "mostro". 

Nell'ultima scena del film si intravede Mary Jane, la madre di John, citare il monologo della poesia "Niente muore" di Tennyson: 

Mai.
Oh, mai.
Niente morirà mai.
L’ acqua scorre.
Il vento soffia.
La nuvola fugge.
Il cuore batte…
Niente muore.

 

Ultimi da AngeliPress