Stampa questa pagina
21 Settembre 2020 - 10:17

Yemen: aiuto dell'UE per assistenza alla popolazione vulnerabile

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il World Food Programme delle Nazioni Unite (WFP) è grato per il contributo di 45 milioni di euro dell’Unione europea (UE) che servirà a fornire assistenza alimentare vitale alle famiglie nello Yemen con gravi carenze alimentari e che soffrono le conseguenze del conflitto, del collasso economico e ora anche del coronavirus. 

I fondi dell'UE forniranno alle famiglie yemenite assistenza salvavita per soddisfare i bisogni alimentari di base. Con il sostegno dell'UE, il WFP sta già fornendo cibo, vouchers e trasferimenti di contante a milioni di yemeniti che vivono nell’insicurezza alimentare. 

L’assistenza in denaro del WFP è presente nelle aree dove i mercati sono funzionanti, così che le persone possano acquistare cibo e altri articoli localmente. I trasferimenti di contante possono aiutare a rafforzare i mercati locali, incoraggiando i piccoli agricoltori a essere più produttivi e a sviluppare la capacità nazionale. 

“Con diverse crisi che, insieme, minacciano la vita delle persone nello Yemen, la situazione umanitaria è più allarmante che mai. L'UE ha recentemente aumentato il suo sostegno per consentire ai partner come il WFP di continuare a fornire assistenza salvavita nonostante le carenze di fondi ", ha detto Janez Lenarčič, Commissario Europeo per la Gestione delle Crisi. “Lo Yemen non può aspettare. Le neutrali organizzazioni umanitarie devono essere fornite dei mezzi e del libero accesso per raggiungere i milioni di yemeniti che hanno urgente bisogno di aiuto". 

Il sostegno dell'UE arriva in un momento cruciale, mentre il WFP lavora per continuare a mantenere l'attuale livello di assistenza in Yemen - la più grande operazione nel mondo per l’agenzia - per evitare un aggravamento della situazione umanitaria. Una recrudescenza degli scontri dall'inizio dell'anno, insieme a un rapido deterioramento della situazione economica e alla minaccia della pandemia di coronavirus, stanno minando i precedenti miglioramenti nella sicurezza alimentare, spingendo molte più persone a dei gravi livelli di fame. 

"Lo Yemen è sul filo del rasoio. Milioni di persone stanno scivolando verso la fame in un momento in cui le risorse sono fortemente limitate”, ha detto David Beasley, Direttore Esecutivo del WFP. "L'Unione europea, però, è stata una forte e costante sostenitrice del lavoro del WFP in Yemen, assicurando le risorse in modo che potessimo consegnare assistenza alimentare di emergenza ai più vulnerabili tra bambini, donne e uomini". 

L'assistenza alimentare del WFP nel corso dei cinque anni di guerra civile nello Yemen ha salvato milioni di persone dalla fame. Dal 2015, il WFP ha ampliato in maniera massiccia le sue operazioni nel paese, passando da circa 1 milione di persone sfamate all'inizio del conflitto a quasi 13 milioni ora. L'UE è stata una forte sostenitrice del WFP durante quel periodo, contribuendo per un totale di 216,8 milioni di Euro, sottolineando sempre la necessità di un targeting indipendente e di una registrazione dei beneficiari per garantire la trasparenza, l’accountability e l'efficienza della fornitura degli aiuti.

 

Rispondere alla grave crisi umanitaria nello Yemen richiede il sostegno e l'azione di molti partner. Le risorse rimangono limitate e, senza nuovi finanziamenti, il WFP potrebbe presto dover ridurre le proprie operazioni. Senza l'assistenza alimentare del WFP, ancora più yemeniti dovranno affrontare livelli di fame devastanti. Il WFP ha bisogno di 703 milioni di dollari (circa 594 milioni di euro) per mantenere questa vitale rete di sicurezza per i prossimi sei mesi.

Il World Food Programme delle Nazioni Unite è la più grande organizzazione umanitaria al mondo, impegnata a salvare vite nelle emergenze, promuovere il benessere e sostenere un futuro sostenibile per le popolazioni che si stanno riprendendo da conflitti, disastri e dall’impatto del cambiamento climatico.

Ultimi da AngeliPress