18.2 C
Roma
mercoledì, 28 Febbraio, 2024

fondato e diretto da Paola Severini Melograni

Alea e lo studio del gioco d’azzardo nella sede Fnsi a Roma

L’associazione Alea per lo studio del gioco d’azzardo e dei comportamenti a rischio correlati ha esaminato con cura il testo del decreto legislativo di riordino dei cosidenominati giochi a distanza, in corso di valutazione in Parlamento. Tra il 2021 e il 2022 il numero dei conti di gioco d’azzardo online è aumentato di un milione di unità (da 16milioni ne 250 mila a 17milioni e 265mila. I volumi finanziari sono da Alea analizzati con due metriche: alla metrica del denaro si correla la metrica del tempo di vita che viene assorbito da questo tipo di pratica di giochi d’azzardo.

Le tecnologie digitali e anche lo sviluppo tumultuoso dei supporti a questa forma di gioco hanno consentito a milioni e milioni di persone, già non giocatrici, di entrare e di permanere in questa esperienza. Il documento tecnico-scientifico che esporremo nella sede della FNSI, che ringraziamo, compendia osservazioni e proposte di modifica al decreto legislativo del Governo, formulate con totale obiettività e prive di ogni giudizio di natura politica, in coerenza con la missione di studio, di ricerca, di esame delle buone pratiche d’intervento e di corretta informazione scientifica sancita nello statuto di Alea.

Presenterà martedì 13 alle 11:00, presso la Federazione nazionale della stampa italiana in via delle Botteghe Oscure n. 53, un elaborato tecnico scientifico orientato esclusivamente a fornire gli elementi utili alle scelte istituzionali improntate primariamente alla tutela della salute dei cittadini.

I professionisti e gli studiosi che da oltre vent’anni, esattamente dall’anno 2001, si occupano con rigore scientifico della evidenza sociale e sanitaria e sono mossi dall’unico scopo di contribuire al perseguimento dell’interesse pubblico alla tutela dell’integrità della persona.

La crescita esponenziale delle forme di gioco d’azzardo online (o di “gioco pubblico a distanza” come le si voglia denominare) ha imposto al lavoro dei clinici la presa in carico di una popolazione in stato Alea – Associazione per lo studio del gioco d’ azzardo e dei comportamenti a rischio di sofferenza sanitaria di particolare durezza e persistenza.

La cura e la prevenzione del Disturbo da gioco d’azzardo, infatti, sono rese ancora più ardue e complesse dalla pratiche di tale comportamento attraverso i canali digitali, cui la persona accede in tutte le 24 ore della giornata e in ogni luogo. Il comparto del gioco online ha conosciuto nel nostro paese, come nel resto del mondo, una crescita vertiginosa negli ultimi 10 anni, basti pensare che prima della pandemia da covid-19, quindi nel 2019, aveva già raggiunto un volume di transazioni pari a 34 miliardi di euro. Lo scorso anno si stima abbia superato abbondantemente il livello di 85 miliardi di euro, come autorizza a ponderare il dato ufficiale relativo al 2022, ovvero pari a 73,1 miliardi, in linea con un andamento che segna il raddoppio del volume ogni tre anni.

ARTICOLI CORRELATI

CATEGORIE

ULTIMI ARTICOLI