15.3 C
Roma
giovedì, 23 Maggio, 2024

fondato e diretto da Paola Severini Melograni

Ddl diffamazione: ritirati gli emendamenti sul carcere resta la minaccia alla libertà di stampa

«Il senatore di FdI Gianni Berrino ritira gli emendamenti sul carcere al ddl Diffamazione. Erano emendamenti ingiusti e incivili che avrebbero portato l’Italia ai confini dell’Ungheria. Di questo, fortunatamente, si è accorto un pezzo della maggioranza, alla quale ora ci rivolgiamo nella speranza che, assieme alle altre forze politiche democratiche, si metta al lavoro per rendere più europeo il disegno di legge sulla diffamazione, che per l’informazione ha comunque molte criticità». Alessandra Costante, segretaria generale della Fnsi, commenta così la notizia del ritiro, lunedì 15 aprile 2024, degli emendamenti proposti in commissione Giustizia dal senatore ligure e contro i quali si erano subito sollevate le proteste dei rappresentanti dei giornalisti.

«Il ritiro degli emendamenti che reintroducevano il carcere per i giornalisti non è ravvedimento, ma qualcuno deve aver spiegato al senatore Berrino le sentenze della Corte costituzionale e di quella europea. E comunque resta che è un Ddl pessimo, liberticida», scrive in un post il presidente della Fnsi, Vittorio di Trapani.

Lo riporta Fnsi

ARTICOLI CORRELATI

CATEGORIE

ULTIMI ARTICOLI