9.8 C
Roma
giovedì, 22 Febbraio, 2024

fondato e diretto da Paola Severini Melograni

Diego Vagnucci, SOLO! La mostra. 13 – 27 gennaio 2024

Il 2024 di Art Sharing Roma si apre con la prima mostra in assoluto del giovanissimo Diego Vagnucci, scultore in materiale ceramico e artista neurodivergente, la cui opera vale in sé stessa, per la sua bellezza astratta, potente e brillante.

Dichiarare la natura della mente dell’artista – i più direbbero nello spettro autistico – è un atto di coraggio e una provocazione: sarà capace il pubblico di considerare il suo lavoro per quello che è?

Viviamo in un’epoca in cui mettiamo ogni artista sul lettino dello psicoanalista: “Cosa avrà voluto dire?”. I media alimentano le domande e i ragionamenti, costruendo sovrastrutture di informazioni che finiscono per impedirci di vedere l’opera in sé, rinnegando il diritto dell’artista a esprimersi, ma anche a mettere dei confini tra pubblico e privato.

Per Diego Vagnucci questi confini non esistono, perché la sua mente è un open space in cui tutto ha più o meno rilevanza secondo i suoi personalissimi e imperscrutabili parametri: per questo è ancora più esposto al giudizio del pubblico, che istintivamente tenderà a considerarlo per la sua divergenza.

Eppure, divergente è una bellissima parola: non diverso rispetto a una presunta normalità – semmai esistesse davvero una norma della psiche umana – ma un modo alternativo di intendere la vita, la visione, il rapporto tra sé stesso e il mondo.

«Solo!» non è semplicemente il titolo di questa prima mostra personale di Diego Vagnucci, ma è una rivendicazione di autonomia e di identità che l’artista afferma con forza attraverso le sue azioni e le sue parole. Opere astratte, che non imitano nulla di specifico, ma che nascono alla luce direttamente per quello che sono: una produzione urgente e copiosa che è espressione diretta della volontà dell’artista formata nella materia e nel colore.

La scienza spiega come mai le persone nello spettro autistico prediligano alcuni colori agli altri, come funziona la loro percezione, quali variabili fisiche e chimiche fanno sì che queste persone siano divergenti.

Ma, come affermava Freud: “I poeti sono alleati preziosi […] essi sanno in genere una quantità di cose tra cielo e terra che il nostro sapere accademico neppure sospetta”.

DIEGO VAGNUCCI

Classe 2001 vive a lavora a Roma.

Ha frequentato il Liceo Artistico “Giulio Carlo Argan” con indirizzo Design.

Il suo professore di design ha suggerito di iscriverlo alle Scuole d’Arte e Mestieri di Roma Capitale: nella Scuola delle Arti Ornamentali ha frequentato per due anni il corso di Ceramica (2020-2021 e 2021-2022), quindi è stato iscritto al corso di Modellazione scultorea nel 2022-23 e sta frequentando attualmente il secondo anno.

ALTRE INFO

Diego Vagnucci, Solo!

A cura di Emiliano Coletta e Penelope Filacchione

13 -27 gennaio 2024

Opening 13 gennaio h.17.00-21.00

via Giulio Tarra 64 – 00151 Roma

Ingresso libero

Orari di visita: dal martedì al sabato h.17.00-20.00

27 gennaio 2024, h.18.00Scultura ceramica nel XXI secolo, conversazione Cosetta Mastragostino e Emiliano Coletta.

EVENTO FB https://fb.me/e/48BQ9KS9a

SOCIAL DIEGO VAGNUCCI: diegovagnucci.art

Contatti: artsharing.roma@gmail.com , 338-9409180

Ufficio stampa: ufficiostampa@artsharingroma.it


Fonte: https://artsharingroma.it/project/diego-vagnucci-solo-la-mostra-13-27-gennaio-2024/

ARTICOLI CORRELATI

CATEGORIE

ULTIMI ARTICOLI