19.3 C
Roma
domenica, 16 Giugno, 2024

fondato e diretto da Paola Severini Melograni

Alla Galleria Borghese visite guidate e inclusive per le persone sorde

La Galleria Borghese ha avviato un’ampia programmazione con l’obiettivo di aprire le porte del museo a nuovi pubblici, costruendo relazioni durature attraverso progetti che offrono esperienze di partecipazione attiva a persone con disabilità e a rischio di esclusione, in applicazione dell’articolo 27 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, della Convenzione di Faro sul valore del patrimonio culturale per la società (2005) e  dello statuto ICOM – International Council of Museums che definisce il Museo come “un’istituzione permanente al servizio della società e del suo sviluppo”.

E’ così che la Galleria Borghese persegue una visione inclusiva e accessibile della Cultura, che la rende un luogo che accoglie, coinvolge e ascolta, un luogo che facilita, attraverso l’Arte, esperienze di scambio, socializzazione e sviluppo delle capacità personali di Tutti, contribuendo inoltre ad abbattere il pregiudizio nei confronti della disabilità. La videointervista a Stefania Vannini e a Violante Nonno è stata raccolta domenica 29 ottobre in occasione della visita dedicata ad alcune figure femminili presenti nelle collezioni del museo organizzata nell’ambito della collaborazione tra il Ministero della Cultura e Komen Italia, l’associazione che porta avanti un importante programma di sensibilizzazione e prevenzione dei tumori femminili. Per maggiori informazioni e per prenotare scrivere a ga-bor.accessibilita@cultura.gov.it. Ecco il testo nel video segnato in LIS: “Siamo nella Galleria Borghese. Mi chiamo Violante Nonno e sono una guida turistica ufficiale. Insieme alla dottoressa Stefania Vannini, responsabile dell’ufficio Accessibilità della Galleria, già da tre anni con il progetto inclusivo per persone sorde e udenti (“Storie del cardinale Scipione Borghese”) con incontri mensili svolgiamo visite tematiche all’interno della Galleria, sviluppando di volta in volta percorsi e argomenti diversi. Come per oggi, la visita è stata dedicata alle figure femminili in occasione del mese di  ottobre, il mese di prevenzione dei tumori femminili. Il ministero della Cultura e l’associazione Komen Italia insieme promuovono la campagna di promozione per sensibilizzare le donne. Così oggi c’è stata la visita tematica con i due gruppi, io con i sordi (in LIS) e Stefania con gli udenti. Vi aspettiamo per i prossimi appuntamenti”.


Fonte: https://www.noidonne.org/articoli/roma-alla-galleria-borghese-visite-guidate-e-inclusive-anche-nella-lingua-dei-segni.php

ARTICOLI CORRELATI

CATEGORIE

ULTIMI ARTICOLI