9.8 C
Roma
giovedì, 22 Febbraio, 2024

fondato e diretto da Paola Severini Melograni

Parolin: la Santa Sede non ha sorvolato sulla condanna di Hamas

Il Papa e la Santa Sede sono vicini alle sofferenze di tutti: non si è “sorvolato” nel condannare il terribile attacco di Hamas del 7 ottobre; allo stesso tempo non si può “ignorare” quanto accade a Gaza, “dove ci sono stati tanti morti, tanti feriti, tante distruzioni”. È il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, a ribadire quel principio della “equivicinanza” che è da sempre lo stile della Santa Sede sin dai tempi di Benedetto XV, anch’egli “aggredito da entrambe le parti” durante la Prima Guerra mondiale per aver mantenuto “una posizione di neutralità”, non riconoscendo – secondo gli accusatori – “l’aggressore e l’aggredito”. Un destino che ora sembra investire anche Papa Francesco, le cui parole ieri al termine dell’udienza generale hanno suscitato polemiche da alcuni rappresentanti del mondo ebraico, tra cui questa mattina i Rabbini d’Italia che in una nota lamentano il fatto che il Pontefice avrebbe messo sullo stesso piano Hamas e Israele parlando di “terrorismo” da entrambe le parti.

I rapporti con il mondo ebraico 

Interpellato a riguardo dai giornalisti fuori da Sant’Andrea della Valle, dove celebra nel pomeriggio la Messa per i 90 anni dell’Holodomor, il drammatico sterminio per fame di milioni di ucraini nel 1932-33, il segretario di Stato parla di accuse che “non hanno senso” nei confronti del Papa e sottolinea che i recenti eventi “certamente” non mettono in discussione i rapporti con il mondo ebraico e “le conquiste di questi anni, a partire dalla Nostra Aetate”. Anzi, “siamo profondamente preoccupati da questa ondata di antisemitismo che si sta scatenando dappertutto”.

Posizione netta contro l’attacco a Israele

Secondo Parolin, “da parte della Santa Sede c’è stata una presa di posizione molto netta nei confronti dell’attacco di Hamas, non è che abbiamo sorvolato”. Il primo era stato proprio lui, a margine di un evento alla Gregoriana, all’indomani dell’assalto dei miliziani in Israele, a parlare di un attacco “terribile” e “spregevole”. Poi il Papa, che in ogni pronunciamento pubblico non ha mai smesso di stigmatizzare le violenze e chiedere il cessate il fuoco e la liberazione degli ostaggi israeliani.

“Mi pare che la Santa Sede cerca in tutti i modi di essere giusta, di tenere conto delle sofferenze di tutti. Anche in questo caso per il terribile che ha subito Israele che è da condannare”, ha sottolineato il cardinale. Allo stesso tempo “non possiamo neppure ignorare quello che succede dall’altra parte”, cioè nella Striscia di Gaza, “dove ci sono stati tanti morti, tanti feriti, tante distruzioni”. “Il Papa – ha aggiunto il porporato, richiamando il comunicato che annunciava l’udienza di ieri alle famiglie degli ostaggi e a un gruppo di palestinesi – vuole essere vicino alle sofferenze di tutti coloro che soffrono”.

Distinzione tra “aggressori” e “aggrediti” 

A chi, tra i cronisti, ha fatto notare che la critica dei Rabbini oggi è simile a quella emersa per la guerra tra Ucraina e Russia su una presunta mancata distinzione tra “aggressori” e “aggrediti”, Parolin ha replicato: “Abbiamo già risposto, a suo tempo. Il Papa e Santa Sede lo affermano chiaramente: nel caso dell’Ucraina abbiamo detto ‘è una guerra di aggressione…’”. Più di così cosa dobbiamo dire? Bisogna anche leggere attentamente le parole e capire quello che vogliono dire. Poi se uno vuole di più, noi abbiamo anche la nostra posizione, facciamo le nostre considerazioni, prendiamo le nostre decisioni”. “Non mi pare però – ha assicurato il porporato – che ci sia una equivalenza. Assolutamente. Quello che c’è da dire lo abbiamo sempre detto anche se nelle forme che si addicono alla Santa Sede”. E “quello che il Papa dice, lo dice chiaramente. Certo, non come vogliono loro”.

E’ possibile leggere il resto dell’articolo qua


Fonte: https://www.vaticannews.va/it/vaticano/news/2023-11/parolin-guerra-medio-oriente-ucraina-papa-israele-hamas.html

ARTICOLI CORRELATI

CATEGORIE

ULTIMI ARTICOLI