18.2 C
Roma
mercoledì, 28 Febbraio, 2024

fondato e diretto da Paola Severini Melograni

Pena di morte, Sant’Egidio: giovedì 30 novembre il Colosseo illuminato per l’abolizione

Il 30 novembre del 1786 venne abolita, per la prima volta, la pena di morte in uno Stato, il Granducato di Toscana. Da allora molta strada è stata fatta nel cammino che porta all’abolizione della pena capitale nel mondo. Ma tanto si può e si deve fare ancora contro questo strumento altamente inumano oltre che inutile, di cui non si è mai dimostrata l’efficacia come deterrente, mentre degrada la dignità degli Stati, riducendoli a meri esecutori di ingiustizia.
La Comunità di Sant’Egidio, che negli ultimi anni ha portato avanti una campagna in tutti i continenti per giungere ad una moratoria universale, invita tutti giovedì 30 novembre, alle 18.00, ad una manifestazione al Colosseo, accanto all’Arco di Costantino. Interverranno Marco Impagliazzopresidente della Comunità di Sant’Egidio, Miguel Gotor, assessore alla Cultura di Roma Capitale, Fatime Zara Douga, sindaco di Ndjamena (Chad) e Gary Drinkard, ex condannato a morte dall’Alabama. Il monumento più celebre di Roma, per l’occasione, verrà illuminato e farà da sfondo a una scenografia digitale Visual Mapping 3D sul tema “Non c’è giustizia senza vita”.

S
empre il 30 novembre, oltre 2.000 Città per la Vita nel mondo illumineranno i loro monumenti per dire di “no” alla pena di morte. Si tratta ormai di un movimento che coinvolge migliaia di persone in tutti i continenti e che è riuscito, attraverso un paziente impegno collettivo e rapporti con i diversi governi, a diminuire il numero dei Paesi mantenitori.

Questa mobilitazione mondiale, che intende lanciare un forte appello in favore di Kenneth Smith, il detenuto nel braccio della morte in Alabama la cui esecuzione con l’azoto – procedura considerata “inumana” nel caso degli animali – è stata fissata il prossimo 25 gennaio, sarà preceduta da una Conferenza Internazionale nella sala della Protomoteca in Campidoglio, mercoledì 29 novembre, alle ore 17, con la partecipazione, tra gli altri, del sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, di Mario Marazziti, coordinatore della campagna abolizionista con la Comunità di Sant’Egidio, del sindaco di Bangui, Emile G.R. Nakombo, e di Suzana Norlihan Binti Alias, avvocato e attivista contro la pena di morte dalla Malaysia.

La due giorni “Cities for Life – Città contro la pena di morte” sarà trasmessa in live streaming sul sito e sui canali social della Comunità di Sant’Egidio.

ARTICOLI CORRELATI

CATEGORIE

ULTIMI ARTICOLI