18.2 C
Roma
mercoledì, 28 Febbraio, 2024

fondato e diretto da Paola Severini Melograni

Accoglienza e sussidiarietà per rilanciare l’Adozione Internazionale all’interno del Piano Mattei per l’Africa

Si è tenuto martedì 21 novembre, presso la Sala del Cenacolo della Camera dei Deputati, il convegno “Dalla grave crisi delle adozioni internazionali a un Piano Mattei per l’adozione e l’affido dei bambini africani”, organizzato da Ai.Bi. – Amici dei Bambini e Academy Spadolini per parlare di Adozione InternazionaleAffido Internazionale e Adozione a Distanza nel contesto del Piano Mattei per l’Africa che l’attuale Governa sta formulando.

Adozione come unica possibilità per tornare a essere figli

L’evento si è aperto con il saluto dell’On. Lamberto Dini, che ha illustrato come un Piano Mattei per l’Adozione e l’Affido dei bambini africani possa svolgere una funzione fondamentale di “sostegno per quei bambini che sono in condizioni svantaggiate di sussistenza e di abbandono”.
Subito dopo, l’On. Simonetta Matone ha riportato la sua lunga esperienza con le adozioni in qualità dei giudice dei minori, augurandosi che il Piano possa contribuire tanto a esaudire “i desideri di genitorialità delle coppie”, quanto ha rispondere ai “bisogni dei bambini”.

È quindi seguita la lettura del messaggio inviato dall’On. Antonio Tajani, in cui il Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha sottolineato come l’Adozione sia “per un bambino, occasione per un nuovo e più fortunato percorso di vita, in un calore familiare mai conosciuto prima o che ha purtroppo perduto”.

Dopo queste introduzioni, i veri e propri lavori del convegno si sono aperti con l’appassionato intervento della prof. Maria Rita Parsi e quello di Luigi Tivelli, Presidente dell’Academy di cultura e politica Giovanni Spadolini, che ha evidenziato come “Nel momento in cui si avvia un Piano Mattei per i Paesi africani non si possa non pensare a una questione e un valore di fondo che riguarda i bimbi in gravi condizioni di salute e di denutrizione” nei vari Paesi del continente.
Dell’importanza dell’Adozione ha parlato anche Marco Griffini, Presidente di Ai.Bi. – Associazione Amici dei Bambini: “La verità è che se per noi adulti esistono diverse possibilità per diventare genitori, per un bambino abbandonato l’adozione rimane l’unica via per tornare a essere figlio. Penso che un documento programmatico-strategico che si ponga, come il piano Mattei per l’Africa, la finalità di ‘promuovere lo sviluppo economico e sociale, – cioè il benessere – dei popoli del continente africano e di prevenire le cause profonde delle migrazioni irregolari’, non possa non considerare anche il benessere delle fasce più marginali della propria popolazione.

L’On. Paolo Trancassini, di Fratelli d’Italia, ha ringraziato Ai.Bi. per l’organizzazione del convengo e per aver “acceso una luce su un tema importante che deve essere messo al centro dell’attenzione della politica”

Attenzione che la giornalista e attivista per i diritti umani Claudia Conte ha reclamato anche per l’affido familiare, altra fondamentale forma di accoglienza sebbene poco conosciuta.

Tornando alle Adozioni Internazionali, l’On. Elena Bonetti, già Ministro per le Pari Opportunità e Politiche per la Famiglia, ha ribadito come si debba lavorare per garantire procedure trasparenti e tempi ragionevoli”, impegnandosi “per la costruzione di famiglie e il benessere dei minori”.

L’adozione non può derogare dal principio di sussidiarietà

Dopo la lettura di un messaggio del Senatore Carlo Giovanardi, che ha ricordato i suoi trascorsi a capo della CAI, i lavori sono proseguiti con l’ambasciatore Sergio Vento, già rappresentante permanente italiano presso l’ONU e Ambasciatore d’Italia a Washington, che ha dedicato un pensiero importante all’Adozione a Distanza, strumento per di “finanziare la crescita di bambini africani “che può contare su “meccanismi di garanzia e controllo”.

È tornato al tema dell’Adozione, invece, Vincenzo Starita: “È importante – ha affermato il Vice Presidente della CAI – fare in modo che nei Paesi nei quali ci si reca per gli accordi generali previsti dal Piano Mattei si inserisca anche il tema delle adozioni. Ma sempre osservando il principio di sussidiarietà e senza confondere adozione e affidamento, due strumenti sulla cui diversità bisogna fugare ogni equivoco”.

Sulle diverse forme con le quali “declinare” l’attenzione alle persone ha insistito infine Adriano Bordignon, Presidente del Forum delle Associazioni Familiari: “Sappiamo che natalità e accoglienza vanno di pari passo, sono due elementi costitutivi di uno stesso approccio alla vita e alle persone – ha detto. Di fronte al grande bisogno di rispetto e di dignità dei più piccoli che si trovano in condizioni di sopravvivenza e abbandono penso che sia necessario un lavoro importante di valorizzazione delle famiglie, mettendo in piedi un’alleanza che vada oltre le parole “.

Tutto l’evento è stato ripreso e trasmesso da Radio Radicale, che lo ha reso disponibile online per tutti, QUI

In allegato il comunicato stampa completo

ARTICOLI CORRELATI

CATEGORIE

ULTIMI ARTICOLI