15.3 C
Roma
giovedì, 23 Maggio, 2024

fondato e diretto da Paola Severini Melograni

Don Tonino Bello ha insegnato a metterci “in corpo l’occhio dell’altro”

L’Edizione La Meridiana lo ha ricordato lo scorso lunedì a Bologna, quando hanno presentato l’edizione in simboli di Comunicazione Aumentativa Alternativa di Milagro. Piccolo prodigio di luce, il breve racconto dell’incontro tra don Tonino e la piccola Milagro in Argentina nel ’92. Con loro, Claudio Imprudente, presidente onorario del Centro Documentazione Handicap di Bologna, il Mons. Matteo Zuppi, cardinale e presidente CEI, e Luca Cenci, coordinatore del gruppo Librarsi che ha curato la traduzione in simboli del libro.

Hanno parlato di sogni e di stelle, di come don Tonino fosse in grado di accendere i sogni e di come, senza stelle e senza sogni, esista solo il “dis-astro”.
Accendere le stelle e consentire i sogni, allora, è il compito che si propone La Meridiana, non solo con questo libro ma con tutta la collana accessibile Parimenti, perché, come ci ha ricordato Luca Errani (Associazione L’arche Arcobaleno), la CAA dà voce a chi vorrebbe parlare ma non viene ascoltato.

L’accessibilità, fisica e culturale, rende il mondo migliore per tutti e tutte noi che lo abitiamo. Metterci in corpo l’occhio, lo sguardo, degli altri, ci aiuta a capire questo bisogno e a riconoscerlo come nostro.

ARTICOLI CORRELATI

CATEGORIE

ULTIMI ARTICOLI