19.5 C
Roma
giovedì, 23 Maggio, 2024

fondato e diretto da Paola Severini Melograni

Al Museo ebraico di Venezia la mostra “I confini dell’alterità / The contours of otherness”

Il Museo ebraico di Venezia, in occasione della 60esima Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia 2024, Stranieri ovunque/Foreigners Everywhere, propone una mostra sull’esperienza migratoria intitolata I confini dell’alterità / The Contours of Otherness.

La curatela è della Direttrice del Museo ebraico di Venezia, Marcella Ansaldi. La mostra, promossa e organizzata dalla Comunità ebraica di Venezia con Opera Laboratori e Shifting Vision, terminerà il 27 ottobre 2024.

Il tema conduttore dell’esposizione ha un puntuale storico collegamento con l’intera area di Cannaregio dove nacque nel 1516 il Ghetto, quale luogo di confinamento di ebrei, che mai ottennero il diritto di cittadinanza da parte della Repubblica veneziana. L’esperienza culturale lasciata dai numerosi viandanti, stranieri e migranti, ci ha lasciato oggi un esempio di umana convivenza e reciproco arricchimento da cui poter trarre ispirazione.

Stanzialità obbligata, spostamento, fuga, ma anche scelta identitaria, rinnovamento, coscienza e mutamento, sono i temi su cui gli artisti sono chiamati al confronto.

L’esposizione avrà luogo in tre spazi del ghetto: Spazio Ikona, Spazio Lab e Spazio Azzime.

Spazio Ikona espongono: Danny Avidan, Amit Berman, Jonathan Prince, Elisheva Reva, Flora Temnouche. In Spazio LabLucas e Tyra Morten, Laure ProuvostLihi Turjeman, Debra Werblud. Allo Spazio Azzime Yael Toren.

Curatore degli artisti di Spazio Ikona e Spazio Lab la giovane ventinovenne Jemma Elliott-Israelson,mentre per Spazio Azzime Avi Ifergan, con coordinamento e assistenza di Nadia Gheras.

L’esposizione sarà corredata dal catalogo in doppia lingua edito da Sillabe.

I curatori della mostra Marcella Ansaldi, Jemma Elliott-Israelson e Avi Ifergan e gli artisti espositorisono disponibili a rilasciare interviste; contattare allo scopo l’Ufficio stampa: Andrea Acampa a.acampa@operalaboratori.com, al quale possono essere richieste inoltre immagini delle opere ad alta risoluzione.


Fonte: https://www.ghettovenezia.com/i-confini-dellalterita/

ARTICOLI CORRELATI

CATEGORIE

ULTIMI ARTICOLI