19.5 C
Roma
giovedì, 23 Maggio, 2024

fondato e diretto da Paola Severini Melograni

Il 20 aprile 1993 ci lasciava don Tonino Bello

31 anni fa, ci lasciava don Tonino Bello. La marcia su Sarajevo fu una delle sue ultime azioni di pace.  Con 500 persone (non 10 o 50) percorse a piedi la città sotto assedio e martoriata dalla guerra. Ricordare quel momento, in un contesto mondiale,  in cui i conflitti si moltiplicano senza tregua, ci riporta all’urgenza della pace, che «non è un vocabolo ma un vocabolario». La Meridiana lo fa attraverso le vignette di Adriano Pisanello, Don Tonino resta  una strada tracciata su cui è sempre più urgente incamminarsi.

Consigli di lettura

“Don Tonino Bello. Una storia che parla di futuro” di Adriano Pisanello e con testi di don Salvatore Leopizzi.

La storia di don Tonino Bello assume la forma del fumetto: vignette, disegni e dialoghi che possono raccontare con immediatezza a ragazzi e ragazze ciò che don Tonino è stato, l’avventura della sua vita. Perché non resti relegata al passato, ma sia una storia viva che può, ancora, aiutarci a costruire il futuro di tutti noi

“Visioni di pace” di Antonio Bello

“In queste pagine abbiamo provato a rimettere in gioco le tessere che più facilmente possiamo fare fatica a trovare quando, all’esplosione di un conflitto, la composizione della convivialità si arena, e all’unisono sale il frastuono delle armi.
Abbiamo ritagliato – prendendoci la licenza di farlo – frasi da discorsi e scritti più ampi e articolati, con il solo obiettivo di rendere chiara a noi – uomini e donne di questo tempo segnato dalla guerra in casa nostra ma anche dalla chiarezza ormai che l’esplodere di ogni conflitto è collegato a crisi umanitarie, ambientali, economiche – che la pace non è solo assenza di conflitti. È invece una visione.
Ecco: in questo anno segnato da una guerra scoppiata nel cuore dell’Europa, all’indomani di una pandemia che avrebbe dovuto renderci migliori, abbiamo sentito anche noi questa ‘afflizione’ e abbiamo cercato in don Tonino le parole per non smarrire la visione e capire il metodo per esercitarci nell’arte della pace.”

Dalla prefazione di Giancarlo Piccinni e Elvira Zaccagnino.

“Oltretutto. Più vicino a don Tonino Bello” di Michele Santeramo

Ci sono modi diversi per raccontare le storie di vita di persone che sentiamo…
Ecco forse basta scrivere solo “sentiamo” per avvertire tutto intero il movimento che alcuni destano con forza dentro di noi. La loro storia si può raccontare e scrivere mettendoli al centro di un canovaccio oppure si può raccontare di quello che accade alle vite degli altri grazie alla vita di quello solo.
Oltretutto è questo: una biografia delle vite che hanno in modi diversi incrociato la vita di don Tonino Bello. Perché, come scrive Michele Santeramo, “ci sono vite che cambiano le vite”.

“Accanto a don Tonino. Un racconto di vita” di Giuseppe Sancino

“Accanto” è un avverbio molto caro a don Tonino, che amava ripetere e praticare con tutti, con i suoi confratelli vescovi, con i sacerdoti, con i laici e gli ultimi. “Accanto”, come uomo, come amico, come presbitero, gli è stato don Pinuccio che, in questo libro, testimonia la sua esperienza di vita vicino al vescovo della pace.
Non siamo di fronte all’ennesimo libro sul vescovo don Tonino, inteso come studio storico, sociale, ecclesiale su un personaggio che ha segnato la vita religiosa italiana del secondo Novecento, bensì alla testimonianza diretta di chi, negli anni, lo ha conosciuto nel suo intimo come amico e che, attraverso la memoria, ha scelto di condividere i momenti più profondi di un uomo che ha accompagnato durante la traversata della sua vita.

Scopri altri libri qui

 

ARTICOLI CORRELATI

CATEGORIE

ULTIMI ARTICOLI