16.5 C
Roma
martedì, 16 Aprile, 2024

fondato e diretto da Paola Severini Melograni

All in Rock, il primo concerto in Italia in cui si favorisce l’accesso di cittadini con disabilità plurime

20 OTTOBRE 2023
ORE 20.45
TEATRO PALAUNICAL MANTOVA

Sarà il primo concerto in Italia in cui le persone con disabilità potranno scegliere il proprio posto in platea direttamente su Ticketone. Ma non solo, perché durante lo spettacolo saranno predisposti servizi e tecnologie per favorire un’accoglienza veramente inclusiva.

È All-In-Rock, il concerto integrato organizzato dalla Casa del Sole Onlus, realtà mantovana che opera con bambini e adulti diversamente abili dal 1966, nel calendario di iniziative che celebra il 40° anniversario del Centro Diurno Disabili Adulti di Mantova.

Un concerto come risposta al bisogno e desiderio di una reale integrazione tra i cittadini, perché non vi sia una distinzione tra persone di serie A e di serie B. Con questo evento, Casa del Sole si propone quindi di tracciare un solco, affinché l’accessibilità e l’integrazione siano alla base di ogni concerto, mostra, festival o location. Lo sforzo organizzativo per questa data zero è tutto orientato ad affermare che “si può fare”.

IL PROGETTO

Il progetto, redatto dall’architetto Mirko Veronesi e dal geometra Alessandro Pavesi, nasce dalla valorizzazione della location, il Teatro PalaUnical di Mantova, scelta in accordo con il Comune di Mantova, quale luogo ideale per ospitare l’evento. La principale esigenza è stata quella di coniugare il presupposto di “concerto integrato” con le disposizioni normative in materia di sicurezza.

L’area, di oltre 3000 mq, ha permesso di progettare ex novo una pianta in cui gli spettatori in carrozzina troveranno posto in platea e potranno scegliere dove collocarsi, a fianco del loro accompagnatore.

L’idea di un concerto completamente inclusivo ha comportato lo studio di spazi e tipologia di pubblico, con definizione di specifiche aree, libere da qualsiasi impedimento, che intendono favorire la partecipazione attiva all’evento da parte di tutto il pubblico. E’ stata così pensata una zona ad alta accessibilità per gli spettatori con difficoltà di deambulazione, si sono predisposte vie di fuga da 160 cm invece dei comuni 120 cm. Il numero di file di sedie è stato ridotto del 50% con distanziamento da sedia a sedia di 160cm invece dei consueti 50 cm richiesti come minimo per legge.

Il numero di servizi igienici attrezzati sarà commisurato al numero reale di possibili fruitori da stabilirsi nel momento della chiusura delle prevendite, passando dal rapporto standard di 1:250 a 1:50.

Il sistema di collegamento tra la regia e il palco sarà di tipo aereo per evitare di costituire una possibile barriera nella via di fuga centrale. Sul pavimento saranno apposti dei marker numerati per indicare l’esatta collocazione del posto di ogni carrozzina.

Inoltre sarà predisposta una zona rete wifi con la possibilità di audioguide per il pubblico con disabilità visive e di trasmissione dell’audio in HD agli impianti cocleari o alle protesi acustiche, un’area in cui è maggiormente visibile il Lis performer, una zona Chillout in cui poter stare tranquilli e rilassarsi, continuando a seguire lo spettacolo da monitor o cassa musicale e infine una zona di condivisione completa di area bar.

In particolare, per quanto riguarda la trasmissione audio la ditta MED-EL metterà a disposizione dei partecipanti una tecnologia innovativa che permetterà a tutti gli ipoacusici presenti di ascoltare la musica senza distinzione di tecnologia, brand o tipologia di sordità, oltre a funzionare come voce guida per i ciechi e gli ipovedenti. Il sistema Lola, sviluppato da MED-EL e Jacoti, è stato utilizzato in collaborazione con Rai durante l’Eurovision Song Contest 2022 e Sanremo 2023. Grazie al supporto di Casa del Sole Onlus, il Teatro PalaUnical verrà allestito con una tecnologia completamente “open” con bassissimi tempi di latenza ed alta qualità sonora.

“Connettere le persone con problemi di udito alla magia della musica è parte del nostro lavoro. Fin dal primo impianto cocleare nel 1977, MED-EL innova le sue tecnologie e assiste ogni singolo paziente per offrire un udito sempre più vicino a quello naturale. Vogliamo che possano apprezzare ogni nota e percepire anche i minimi dettagli delle loro canzoni preferite. Rendere la serata All-In Rock accessibile, vuol dire celebrare tutte le persone che affrontano la sordità e dar loro la possibilità di godersi la musica al meglio” afferma Romed Kroesbacher, Direttore di MED-EL Italia.

L’obiettivo è quello di creare un ambiente ordinato e accogliente, in cui ogni spettatore veda soddisfatte le sue esigenze e possa godere a pieno dello spettacolo. Sarà dunque fondamentale la fase di preparazione della location quanto la raccolta di informazioni preliminari, operata sia dall’organizzatore, sia dal fruitore/spettatore, che saranno scambiate tramite apposita piattaforma on line o con numero telefonico dedicato.

GLI ARTISTI

Sul palco si esibirà Alberto Bertoli, in duetto virtuale col padre Pierangelo, il noto e compianto cantautore. Alberto è logopedista presso la Casa del Sole e opera quotidianamente all’interno dei progetti riabilitativi dell’ente. Bertoli proporrà lo show “Due voci attorno a un fuoco”, in cui l’artista racconta la sua esperienza di convivenza col padre disabile e canta duettando con lo stesso attraverso la proiezione di filmati.

Sul palco salirà anche Enrico Ruggeri che delizierà il pubblico con alcune delle sue canzoni più celebri. Ruggeri, che da sempre porta la sua musica a sostegno di progetti di solidarietà, in questo caso focalizzerà la sua attenzione anche sull’inclusività.

DICHIARAZIONI
Mattia Palazzi, Sindaco di Mantova

“Un concerto totalmente inclusivo come “All-In Rock” segna una via possibile e un obiettivo da perseguire per ogni evento, dai concerti al teatro. Voglio ringraziare Casa del Sole per l’impegno e la visione che ogni giorno sa mettere in gioco coinvolgendo l’intera nostra comunità”.

Carlo Bottani, Sindaco di Curtatone e Presidente della Provincia di Mantova

“Il concerto che Casa del Sole sta organizzando, con l’obiettivo di far si che sia il primo totalmente inclusivo, è per il territorio di Curtatone e per tutta la provincia di Mantova motivo di grande orgoglio. E’ un progetto veramente importante e innovativo che ci invita a raddoppiare gli sforzi per arrivare a un’accessibilità e una vivibilità completa degli eventi”.

Andrea Caprini, Assessore al Welfare Comune di Mantova

“Un evento importante e significativo, per la cui realizzazione abbiamo messo a disposizione gli uffici comunali (che ringrazio) per individuare le soluzioni più idonee e soddisfacenti. Perché la fruizione di un concerto, o di un museo o una mostra, così come di qualsiasi bene o di evento culturale, deve sempre più essere resa accessibile e inclusiva, per tutti. Perché l’esperienza artistica e il benessere generato dalla cultura siano davvero patrimonio di tutti. Ci piace pensare che questo appuntamento possa diventare un esempio nazionale e un modello, adattabile, replicabile, di piena accessibilità e inclusione per tutte le persone con disabilità. In questo siamo a fianco della Casa del Sole”.

Emanuele Torelli, Presidente Associazione Casa del Sole Onlus

“Tra gli eventi pensati per celebrare il 40° anniversario del nostro Centro Disabili Adulti grazie alla creatività, disponibilità e dedizione del nostro personale, abbiamo voluto assumerci un preciso impegno, finora mai realizzato da nessuno: organizzare un concerto, primi in Italia, totalmente accessibile e inclusivo alle persone con disabilità, anche con disabilità plurime e complesse. Grazie alle moderne tecnologie e alla disponibilità di tante persone e organismi, tutti coloro che sono interessati potranno partecipare al concerto All-in Rock senza alcuna limitazione o confinamento come avvenuto finora per le persone con disabilità nei consueti concerti musicali. La Casa del Sole, vuole porsi nel solco tracciato dalla nostra indimenticabile fondatrice, Vittorina Gementi, che caparbiamente e intensamente voleva sempre il meglio per i ‘suoi bambini’. Grazie inoltre alle previste modalità di partecipazione al concerto, la Casa del Sole vuole offrire una opportunità e un esempio anche per altri enti che vogliono organizzare eventi simili… affinché i decantati e buoni propositi, come l’accessibilità e l’inclusione, diventino sempre più espressioni e pratiche concrete di vita quotidiana. “

Alberto Bertoli, Artista

“Sono molto orgoglioso e contento di poter tenere questo concerto che sarà il primo in Italia ad essere veramente “integrato”. E’ un passo verso l’emancipazione concettuale della disabilità. Dobbiamo smettere di guardare verso questo tema come a un “problema”, deve essere visto invece come una risorsa: l’opportunità di aprire le nostre menti verso l’altro, verso un altro punto di vista che sia comprensivo di tutti. La bottega Bertoli sarà in prima linea perché questo è quello che abbiamo sempre fatto: difendere i diritti di tutti, soprattutto di quelli a cui non vengono riconosciuti.

Paola Severini Melograni, giornalista Rai e produttrice televisiva

“Avevo soltanto diciotto anni quando ho conosciuto Pierangelo Bertoli e la vita mi ha dato l’opportunità poi di diventare amica di suo figlio Alberto, e poter far incontrare padre e figlio nella serata che ricorda la Giornata internazionale delle persone con disabilità e, in quella occasione, farli addirittura cantare insieme. Da allora è nata una proposta che il 20 ottobre si concretizzerà in uno spettacolo straordinario, completamente accessibile. In quella sera la mia squadra di “O anche No” terrà a battesimo una piccola grande rivoluzione nel nome di Pierangelo Bertoli, l’uomo che “a muso duro” ha cominciato tra i primi a cambiare le cose”.

Per favorire l’accoglienza inclusiva verranno predisposti:

  • Una guida ASO (Access Starts Online) in collaborazione con la “Attitude is everything”, Onlus britannica del settore musicale in UK che ha lo scopo di fornire al fruitore e all’organizzatore informazioni preventive al fine di organizzare una accoglienza personalizzata (mail dedicata per richiedere informazioni, descrizione del locale, servizi di accessibilità, come registrarsi, tipologia e numero di servizi igienici attrezzati, servizi medici e di assistenza, assenza di luci stroboscopiche, altro…).
  • Scelta libera del posto in pianta per gli spettatori in carrozzina.
  • Ingresso gratuito per l’accompagnatore dello spettatore con disabilità, previo invio di idonea documentazione.
  • Possibilità di audioguide per le persone con disabilità visiva in collaborazione con l’azienda MED-EL di Bolzano, già partner di Rai.
  • Prima del concerto verranno predisposti percorsi multisensoriali in cui gli spettatori che si prenoteranno saranno accompagnati sul palco e potranno calpestare la scena, toccare gli strumenti e vivere da vicino le sensazioni degli artisti sul palco.
  • Predisposizione di personale medico e paramedico oltre alla possibilità di fornire ausili in comodato d’uso gratuito.
  • Possibilità di accesso per i cani guida di persone cieche.
  • Potenziamento del numero di servizi igienici idonei.

Durante lo spettacolo:

  • Schermo gigante per ampliare la visibilità della performance e sottotitoli delle canzoni eseguite sul palco oltre a traduzione simultanea LIS degli interventi parlati.
  • Presenza di LIS performer che renda fruibile il messaggio ai sordi (Zena Vanacore, LIS performer collaboratore di Rai Accessibilità e impiegato in Sanremo Accessibile e Eurovision Accessibile).
  • Poltrone o zaini vibranti SubPac, che permettono di percepire fisicamente il suono, trasferendo le frequenze basse direttamente sul corpo, grazie alla partnership con il Festival Oriente Occidente di Rovereto (TN).
  • Rete Wi-Fi a circuito chiuso alla quale connettersi con proprio device IOS e impianto cocleare o protesi acustica, ottenendo un ascolto in HD del concerto, in collaborazione con l’azienda MED-EL di Bolzano.
  • Stanze Chillout, gestite dai terapisti di stimolazione basale di Casa del Sole, ideate per persone con autismo o neurodivergenze, in cui poter essere tranquilli e potersi rilassare, continuando a seguire lo spettacolo da monitor o cassa musicale.

Per l’organizzazione dell’accoglienza e degli spazi interni al PalaUnical si sono coinvolte l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti della sezione di Mantova e l’Ente Nazionale Sordi, sempre della sezione della nostra città, in un fruttuoso e arricchente scambio di idee. Grazie al Comune di Mantova e, in particolare, all’ufficio Cultura, si è potuto instaurare un dialogo con le diverse realtà presenti sul territorio per una compartecipazione attiva.

Si deve sottolineare il coinvolgimento di diverse realtà locali, medie e grandi, che si sono mostrate entusiaste nell’essere nostri partner, finanziando già in fase progettuale la nostra idea di concerto integrato.

Prenotazioni biglietti: https://www.ticketone.it/artist/all-in-rock/

ARTICOLI CORRELATI

CATEGORIE

ULTIMI ARTICOLI