7.3 C
Roma
giovedì, 22 Febbraio, 2024

fondato e diretto da Paola Severini Melograni

La Bandiera della Lotta alla Meningite, simbolo di speranza, protezione, unione contro la patologia

In occasione dell’ultima Giornata Mondiale della Meningite, Sanofi, azienda impegnata nel mondo della salute a livello globale, ha confermato il suo impegno volto a dare  più visibilità e sostegno alla lotta contro questa patologia attraverso il lancio della Bandiera della Lotta alla Meningite, un’iniziativa globale realizzata in collaborazione tra la Fondazione per la Ricerca sulla Meningite (MRF) e la Confederazione delle Organizzazioni per la Meningite (CoMO) – di cui fa parte il Comitato Nazionale contro la Meningite “Liberi dalla Meningite” – e i para-atleti Ellie Challis (Gran Bretagna), Théo Curin (Francia) e Davide Morana (Italia).

La Bandiera rappresenta l’impegno di associazioni pazienti, caregiver, clinici e comunità nella lotta contro questa patologia, e si propone di essere un simbolo di unione per portare ancora più visibilità e sostegno alla lotta contro la meningite e contribuire a raggiungere l’obiettivo, fissato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), di sconfiggerla definitivamente entro il 2030.

Nonostante i notevoli sforzi e progressi degli ultimi 20 anni, la meningite risulta essere ancora la sesta malattia infettiva mortale più diffusa al mondo3.. In un contesto in cui la patologia ha ancora un impatto molto forte sulla società e sussistono limiti nella sua gestione, la Bandiera della Lotta alla Meningite si propone come un elemento di supporto e speranza verso una maggiore conoscenza della patologia ma anche verso un maggiore coinvolgimento dei diversi interlocutori nella sua lotta.

Mario Merlo, General Manager Sanofi Vaccines, Italia
“Come azienda siamo impegnati da tempo nella ricerca e nello sviluppo di vaccini contro la meningite ma anche nelle attività di sensibilizzazione verso questa temibile malattia. Per questo abbiamo deciso  di partecipare concretamente e con entusiasmo alla creazione della Bandiera della Lotta alla Meningite. Unire sotto questo nuovo simbolo tutti gli interlocutori del sistema attorno a valori come la protezione, la collaborazione, la speranza, la determinazione nella lotta contro questa malattia, ci aiuterà a muoversi in modo corale e portare cambiamenti incisivi”.

La meningite è un’infiammazione acuta delle meningi, membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale, causata principalmente da batteri che si introducono nell’organismo. Essa si presenta con sintomi che vanno dal semplice mal di testa o torcicollo a esternazioni più gravi come forti dolori agli arti e convulsioni. La patologia colpisce ogni anno oltre 2,5 milioni persone nel mondo1 di qualsiasi età, e registra un tasso di mortalità pari al 10% (di cui ½ circa sono bambini sotto i 5 anni). Tra coloro che riescono a guarire, circa il 20% deve convivere con complicazioni gravi e a lungo termine come lesioni celebrali ed amputazioni degli arti colpiti.

Amelia Vitiello, Presidente del Comitato Nazionale contro la Meningite
“La lotta contro la meningite è ancora in atto e c’è ancora molto da fare per garantire a pazienti e caregiver il supporto che meritano. Visti l’incidenza ancora rilevante e le conseguenze devastanti della malattia, ci auguriamo che la Bandiera della Lotta alla Meningite possa divenire l’emblema della lotta contro questa malattia subdola e dell’importanza di prevenirla e contrastarla attraverso la vaccinazione”.

La Bandiera della Lotta alla Meningite, attraverso le sue forme e colori vuole comunicare tre principali valori: proteggere, sostenere e sconfiggere. La protezione viene raffigurata da un semicerchio, che rappresenta coloro che sono stati colpiti dalla malattia, trasmettendo, attraverso un giallo acceso, un senso di speranza nel futuro. Il triangolo viola significa “sostenere” e sottolinea l’importanza di tutelare, come possibile, i pazienti, specialmente da parte dei caregiver. La sua punta, rivolta verso l’alto, simboleggia la velocità nel raggiungimento degli obiettivi futuri e la positività rispetto ai prossimi passi nella lotta contro la meningite. A fare da sfondo è il colore blu,  blu come il mare imperterrito nel suo movimento costante, a rappresentanza della determinazione verso la sconfitta della malattia da parte di tutti i soggetti coinvolti.

Il design è stato realizzato grazie a una collaborazione fra l’artista Laura Spring, professionista con un legame personale con la malattia e le Associazioni MRF e CoMO. Laura, si è ispirata all’esperienza degli atleti paralimpici Ellie Challis (nuotatrice, Gran Bretagna), Théo Curin (nuotatore, Francia) e Davide Morana (atleta, Italia) che sono stati colpiti dalla meningite all’età di 16 mesi, 6 anni e 24 anni. Loro, oltre a cotribuire alla sua creazione, utilizzeranno la Bandiera della Lotta alla Meningite, dove possibile, nelle prossime competizioni internazionali per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla malattia.

Davide Morana, Atleta paralimpico
“La mia implicazione personale ed il motivo per cui ho deciso di appoggiare quest’iniziativa è la voglia, è la volontà di rendere coscienti le persone sull’importanza della prevenzione e della lotta contro le malattie infettive. “

ARTICOLI CORRELATI

CATEGORIE

ULTIMI ARTICOLI