19 Ottobre 2020 - 08:54

    Australia, persa oltre la metà della Grande Barriera Corallina

    Scritto da
    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    Uno studio scientifico pubblicato su Proceedings of the Royal Society ha rilevato che metà della Grande Barriera Corallina australiana è sparita negli ultimi 25 anni. Le ricerche hanno preso in analisi il periodo tra il 1995 e il 2017; “abbiamo concluso che il numero di piccoli, medi e grandi coralli della Grande Barriera Corallina è sceso di oltre il 50% dal 1990”, afferma Terry Hughes, professore coautore dello studio. Il declino ha colpito praticamente tutte le specie di coralli presenti sia in acque profonde che in quelle basse, e l’evento principale, che ha colpito delle specie importanti per la riproduzione, è stato uno sbiancamento di massa avvenuto tra il 2016 e il 2017 a causa delle altissime temperature registrate.

    I coralli ramificati sono stati tra i più colpiti e da loro dipende la struttura degli habitat, e quindi con la loro assenza si è avuto un conseguente declino degli habitat e successivamente è diminuito anche il numero di pesci nella Barriera Corallina. “Se vogliamo capire come stanno cambiando le popolazioni di coralli e se possono riprendersi o meno dai disturbi, abbiamo bisogno di dati demografici più dettagliati” ha spiegato il dott. Andy Dietzel, l’autore principale della ricerca. I dati che occorrono vanno dal processo di riproduzione alla struttura delle colonie. “Pensavamo che la Grande Barriera Corallina fosse protetta dalle sue stesse dimensioni, ma i nostri risultati mostrano che anche il sistema della più grande, e relativamente ben protetta, barriera corallina del mondo è sempre più compromesso e in declino”, ha affermato il prof. Hughes.

    I cambiamenti climatici che hanno investito la barriera corallina dell’Australia, attraverso ondate di calore marino verificatesi nel 2016 e 2017, hanno provocato un notevole deterioramento della zona settentrionale e centrale; mentre con le temperature altissime del 2020 è stata la parte meridionale ad essere interessata. L’ allarme è sempre lo stesso, “non c’è tempo da perdere” dicono gli studiosi, e bisogna “ridurre drasticamente le emissioni di gas serra”. Un altro appello tra le migliaia che si spera arrivi a chi deve prendere delle decisioni, affrettando i tempi per il raggiungimento della neutralità climatica, perché qui di tempo sembra non esserci più.

    https://www.coralcoe.org.au/media-releases/the-great-barrier-reef-has-lost-half-its-corals

    A cura di Simone Riga

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.