10.3 C
Roma
sabato, 24 Febbraio, 2024

fondato e diretto da Paola Severini Melograni

Modello Bologna, a casa dei libri

Francesca Zerbetto e Dario Zanasi presentano il documentario “Le biblioteche e la città. Conoscere per essere liberi”, pellicola che intende soffermarsi sull’importanza comunitaria delle biblioteche come luoghi di socialità e cultura che organizza numerosi progetti e servizi gratuiti per tutti i cittadini.

Zerbetto spiega in un’intervista “La nostra intenzione era raccontare questo mondo fino ad ora indagato solo dall’ottimo lavoro di Frederick Weissman: ‘Ex libris – The New York Public Library’ (del 2017) […]. Noi ci siamo concentrati su Bologna perchè il suo sistema bibliotecario è particolarmente ricco e variegato ed è un’ottima cartina tornasole di questo affascinante universo”.

“Normalmente si guarda alle biblioteche come luoghi in cui è possibile prendere in prestito libri di tutti i tipi o dove leggere i giornali e lavorare con il computer in ambienti silenziosi che offrono un wi-fi gratuito” continua Zerbetto “in realtà c’è tutto un mondo più variegato a disposizione dei cittadini: da gruppi di lettura a laboratori di musica, teatro, fumetti. Ci sono bibliotecari appassionati che offrono preziosi consigli, organizzano corsi di lingue per stranieri o insegnano agli anziani a servirsi della tecnologia e cercano di coinvolgere gli adolescenti sottraendoli alla strada, magari anche con un corso di make up”.

Il documentario racconta per esempio, della biblioteca Luigi Spina del Pilastro, di come gli abitanti si siano ribellati alla loro nomea di “quartiere difficile” e di come sono riusciti a coinvolgere i più giovani.

Un’altra storia è quella della Biblioteca delle Donne, dove argomento di studio principale è la storia del femminismo, si condividono esperienze, si fanno gruppi di lettura per autrici come Eve Ensler. Poi c’è la Amilcar Cabral con le conferenza sulla memoria coloniale e l’antirazzismo.

Ogni biblioteca ha le sue caratteristiche e singolarità, ma sono tutte strettamente legate al loro territorio. Non vogliono essere solo un luogo in cui poter trovare libri, ma desiderano diventare casa.

 

ARTICOLI CORRELATI

CATEGORIE

ULTIMI ARTICOLI